Recuperata granata da mortaio inglese in val Rosandra

La notizia risale a ieri ed è comparsa sul gruppo Misteri e Meraviglie del Carso grazie alla segnalazione di Luca Fornasiris. Sul posto si sono recati i Carabinieri di San Dorligo della Valle/Dolina e gli artificieri della Questura

foto Luca Fornasaris (da Misteri e Meraviglie del Carso)

Una giornata di pioggia intensa, il torrente Rosandra che si ingrossa e, tutto ad un tratto compare qualcosa che ha le sembianze di un ordigno bellico. Luca Fornasaris sul gruppo Facebook Misteri e Meraviglie del Carso pubblica tre foto che riprendono esatttamente l'arma. "Sotto el primo pontisel in Valle" scrive. Le reazioni sono delle più diverse, ma tutte generalmente accorte e premurose nel dare l'allarme e far giungere sul posto chi di dovere.  

Gli aritificieri

Arrivano così dapprima i Carabinieri di San Dorligo della Valle/Dolina e successivamente gli artificieri della Questura di Trieste che effettuano la messa in sicurezza e il recupero. "Si tratta di una granata da mortaio inglese risalente alla Seconda guerra mondiale ed è stata recuperata in zona boschiva all'interno della Riserva Naturale della Val Rosandra/Glinscica" hanno affermato fonti del Comando Provinciale dei Carabinieri. Non sono inusuali affioramenti di ordigni bellici nel territorio dell'ex provincia di Trieste. 

La precisazione

"Il proiettile è stato individuato da un gruppo di quattro persone e che passando per l’entrata del sentiero che porta al ponte, la signorina che faceva parte della comitiva mi ha avvisato dell’avvistamento e che aveva già provveduto ad avvisare i Carabinieri. Io mi sono limitato a fare la segnalazione successivamente su Facebook. Purtroppo non conosco il nome della signorina che merita il plauso soprattutto perché passando sul ponte non era molto visibile l’ordigno poichè di dimensioni contenute e di colore mimetico". Una storia che comunque si è conclusa positivamente con il recupero dell'ordigno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Cade in acqua con la gamba fratturata: salvato "per miracolo" in porto

  • Auto con 5 persone si cappotta a Santa Croce: tre minori al Burlo

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

  • Piacenza-Triestina 1 a 2 | Le pagelle: bum bum Maracchi, l'Unione espugna Piacenza

Torna su
TriestePrima è in caricamento