Regione, dal Consiglio l'ok ai cani in spiaggia e sugli autobus

Importanti modifiche al testo della legge regionale 20/2012 sul benessere e la tutela degli animali da affezione. Le modifiche sono state approvate all'unanimità e ridefiniscono il divieto dell'uso di animali nell'accattonaggio, l'accesso alle spiagge e la possibilità di usare il trasporto pubblico con guinzaglio e museruola

Foto da Scuola Cani Salvataggio FVG

Modifiche alla legge regionale 20/2012 sul benessere e la tutela degli animali di affezione. Le ha approvate l'Aula all'unanimità dopo che la stessa cosa era già avvenuta in III Commissione.

Ed è stato proprio il presidente di quest'ultima, Franco Rotelli (Pd), a fare da relatore unico spiegando che il testo modifica la definizione di "allevamento di cani e gatti per attività commerciali", affermando che ricorre quando vi è la detenzione di almeno 3 fattrici e 10 cuccioli per anno (diversamente dall'attuale previsione che richiede almeno 5 fattrici e 30 cuccioli); ridefinisce il divieto perentorio di utilizzo degli animali nella pratica dell'accattonaggio; stabilisce in via assoluta il divieto di detenere animali per chi sia stato riconosciuto colpevole del reato di maltrattamento (l'attuale disciplina limita il divieto a un periodo di cinque anni); introduce il divieto di dono degli animali come premio, ricompensa, omaggio o regalo nell'ambito di giochi, feste e sagre, lotterie, attività commerciali, spettacoli.

E ancora, afferma il divieto di detenere cani legati a catena fissa, ma consente l'uso di una catena a scorrimento per un periodo massimo di otto ore al giorno (la proposta è stata della Giunta, a fronte di un emendamento dei consiglieri Ussai e Bianchi del M5S che proponeva di vietare l'uso della catena o di altri strumenti similari, salvo che per ragioni sanitarie o per misure urgenti e solo temporanee di sicurezza); specifica il richiamo al nulla osta rilasciato dall'azienda sanitaria nella comunicazione di inizio attività degli addestratori, educatori, istruttori e abilitatori di animali.

La legge prevede, poi, la possibilità di accesso dei cani nelle spiagge libere e la possibilità per i Comuni di individuare nell'ambito di giardini, parchi, spiagge e altre aree destinate a verde pubblico di spazi per gli animali da compagnia; ridefinisce i termini di denuncia all'anagrafe canina in caso di smarrimento, sottrazione, cessione o morte del cane e di variazione di residenza del proprietario, nonché le modalità di denuncia della morte del cane all'anagrafe stessa.

Da ultime, le sanzioni per i trasgressori (tra cui 300 euro, proposti dalla Giunta con un emendamento, per chi non rimuove le deiezioni dei cani; l'eccezione alla rimozione è prevista per i non vedenti accompagnati da cani guida - che possono anche non essere muniti di museruola - e per i disabili). Un emendamento di Roberto Novelli (FI) specifica che gli animali da affezione possono salire sui mezzi del trasporto pubblico con guinzaglio e museruola, oppure nell'apposito trasportino; il proprietario deve avere cura che l'animale non sporchi e non arrechi disturbo; sugli autobus non potranno viaggiare più di due cani.

Un secondo emendamento del consigliere consente l'accesso degli animali da affezione nelle strutture residenziali e ospedaliere regionali, pubbliche e private accreditate, qualora sia previsto dalla Direzione sanitaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cappotto, come scegliere il modello giusto in base alla tua silhouette

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • Trieste e Vienna sempre più vicine: in arrivo il nuovo collegamento ferroviario

  • Acqua alta sulle rive e piazza Unità, allagamenti anche a Muggia e Grado (FOTO)

  • I metodi fai da te per pulire i tappeti in modo efficiente

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

Torna su
TriestePrima è in caricamento