Richiedente asilo in arresto appena giunto a Trieste: addosso 200 grammi di hashish

L’indagato, dopo le incombenze di rito, è stato ristretto presso la locale casa circondariale, a disposizione della Procura della Repubblica di Trieste che coordina le indagini

È un altro risultato dei programmati specifici servizi in materia di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, svolti nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Trieste. Nella serata di giovedì 9 novembre, le pattuglie della Squadra Mobile hanno effettuato una serie di mirati controlli nel centro città, allo scopo di prevenire e reprimere reati in materia di stupefacenti. Alle ore 19.00 circa, veniva notato un cittadino straniero che, appena giunto a Trieste con mezzi pubblici, alla vista degli operatori di Polizia, manifestava nervosismo ed atteggiamento guardingo, tentando di allontanarsi rapidamente.

Lo stesso veniva, pertanto, seguito, raggiunto e bloccato; durante il controllo esperito venivano rinvenuti, occultati all’interno di un ombrello, di due panetti di hashish, oltre ulteriore pezzo. La droga, dopo essere stata esaminata, è risultata avere un peso complessivo di circa 200 grammi. L’uomo è stato identificato nel cittadino pakistano K. A., nato nel 1991, titolare di permesso di soggiorno in quanto richiedente asilo.

L’indagato, dopo le incombenze di rito, è stato ristretto presso la locale casa circondariale, a disposizione della Procura della Repubblica di Trieste che coordina le indagini.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Come sempre un sentito grazie alla nullità della politica italiana, e un sentito grazie a sto schifo di nome europa!!!

  • Questo non cercava asilo, questo cercava clienti!!

  • Non essendo né il primo né l’ultimo richiedente asilo che spaccia, è evidente che l’arrivo in Italia è organizzato affinché questi si facciano mantenere da noi per poi smerciare droga e fare soldi, alla faccia nostra.

  • Vogliono sempre farci credere che le donne diventano prostitute e gli uomini delinquenti perchè hanno avuto "malasorte" una volta arrivati da noi. Dato che non abbiamo ancora visto un immigrato riscattarsi, comincio ad avere il dubbio che gli viene fatta la proposta prima di partire: "Ti facciamo entrare in Italia, così potrai fare soldi facili con la droga o la prostituzione." E quelli ovviamente accettano. visto che devono scegliere fra una vita agreste semplice e l'illusione di vivere all'occidentale, dove tutti proprio tutti guidano auto sportive ed abitano ville da sogno.

  • Conclusione: questo sarà mantegnudo per tutta la vita e el cittadin italian martellado de tasse e con l'incubo della disoccupazione e povertà. Ennesima prova de come le istituzioni sia abituade a spudar vigliaccamente in faccia ai cittadini italiani.

  • spero che la magistratura si renda conto del danno enorme che fanno quando fermano uno spacciatore. Poi ai bimbi la bamba chi gliela da?

  • Peca', el se riva' tardi per el corso de netacessi !

  • Grandi teste di kuraz, continuate pure a dare rifugio a questi spacciatori......vi pagheranno le pensioni con i proventi dello spaccio.....!

  • Egregi giudici Prefetto, ma vogliamo mandare a casa questi spacciatori in diretta dopo aver scontato la pena, volete dare degli esempi a questi delinquenti che vengono da noi non per motivi di guerra e altro, fateli ritornare a casa non vogliamo questa gente che non ha voglia di lavorare e spaccia droga, rovinando i nostri concittadini deficienti che vanno a comprarla, sto' Pd vuole rendersene conto o no che questa è gentaglia da eliminare e non subito ma immediatamente????

  • ahah che strano, mah mandate anche lui dalla megera grim e che porti un pó di roba buona, forse la fenomena spinelandosi risavirà, cosa che comunque dubito, quella gallinacea é irricuperabile.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Mega yacht al Molo Pescheria: Trieste si conferma punto di riferimento (FOTO)

  • Cronaca

    Nasconde cocaina in un accendino e la offre a un poliziotto: arrestato

  • Cronaca

    "Pedocin": stop alle sdraio lasciate sotto il porticato

  • Eventi

    Electric Run in “corto circuito”, Polidori: «Valuteremo sanzioni»

I più letti della settimana

  • Incidente in via Flavia: anziana in ospedale

  • Auto impazzita punta verso la piazza all'Electric Run: conducente scortato via in stato confusionale

  • Incidente auto-moto-camper a Sistiana: motociclista in codice rosso all'ospedale

  • Incidente mortale in A4: deceduto l'autista di un furgone. Traffico in tilt

  • Electric Run in “corto circuito”, Polidori: «Valuteremo sanzioni»

  • Tentano di rubare cellulari da Mediaworld e picchiano gli addetti alla sicurezza: arrestati per rapina

Torna su
TriestePrima è in caricamento