"Scovazoni de Trieste" lancia il nuovo sport cittadino: «Salto delle scovaze» (FOTO)

Tra ieri e oggi moltissime segnalazioni giunte alla pagina Facebook vetrina del degrado cittadino: questa volta però, a differenza di altre, sembra che l'inciviltà o la "protesta" contro il giro di vite alla differenziata non c'entrano

Sembra che in città, o almeno in molte zone di essa, i cassonetti delle immondizie non siano stati svuotati. È noto il problema della Bora, che impedisce le regolari operazioni di sollevameto e scarico dei cassoni da parte dei camion dell'AcegasApsAmga, ma non si capisce come mai ieri, domenica 8 febbraio, quando il vento di Nord-Est è notevolmente diminuito, non siano state raccolti i rifiuti. 

Ecco dunque che i triestini, tra ieri e oggi, si sono imbattutti in cataste di sacchetti dell'immondizia che una volta riempiti i "bottini" hanno occupato i marciapede dando vita al «nuovo sport cittadino: "il salto delle scovaze"», così come denominato dagli amministratori della pagina Facebook "Scovazoni de Trieste".

Dalle foto, alcune delle quali torvate nella gallery qui sotto, dimostrano chiaramente come questa volta - a differenza di molte altre occasioni - non si tratti di inciviltà o "protesta" contro il giro di vite sulla raccolta differenziata imposta dall'Amministrazione comunale. Da sottolineare poi come non ci sia stata "discriminazione rionale" di quello che al momento sembra essere un disservizio di AcegasApsAmga: infatti gli scatti degli utenti Facebook sono stati effettuati nelle vie "periferiche", ma anche nelle centralissime via Carducci o piazza Ospitale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Natale, come arredare l'appartamento con stile ed eleganza

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Brutto incidente in via Costalunga, un ferito

  • Uccise Nadia Orlando: si suicida dopo la condanna a 30 anni

Torna su
TriestePrima è in caricamento