Riqualificazione Altura, Marchegiani e Dapretto: «Nessun degrado, lavori per valorizzare la zona»

Così la replica degli Assessori comunali alla Pianificazione Urbana Elena Marchigiani, ai Lavori Pubblici Andrea Dapretto e alle Politiche Sociali Laura Famulari ad alcune prese di posizione apparse sulla stampa: «Ci sorprende la reazione di un Club di Altura di fronte al progetto di riqualificazione del rione»

“Ci sorprende la reazione di un Club di Altura di fronte al progetto di riqualificazione del rione. Ancor più perché abbiamo spesso incontrato cittadini e associazioni, anche alla presenza del Sindaco Cosolini, per discutere delle esigenze del rione e raccogliere proposte e osservazioni.”

Così la replica degli Assessori comunali alla Pianificazione Urbana Elena Marchigiani, ai Lavori Pubblici Andrea Dapretto e alle Politiche Sociali Laura Famulari ad alcune prese di posizione apparse sulla stampa.

“Da quegli incontri – proseguono gli Amministratori municipali - era emersa la necessità di una serie di interventi che potevano trovare risposta nel progetto di riqualificazione e valorizzazione presentato e in parte finanziato da un bando del Ministero. La parola “degrado” che ha offeso alcuni cittadini del Club di Altura è insita nella denominazione del bando emesso dal ministero: "Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate” e determina in maniera inequivocabile i finanziamenti che si possono richiedere e gli ambiti urbani che devono essere oggetto di intervento. Per questo il progetto presentato dal Comune coinvolge in primis i caseggiati di proprietà dell'ATER e del Comune.

Proprio però per immaginare possibilità di riqualificazione dell'intero quartiere, gli interventi non si limitano alla ristrutturazione di questi edifici, ma si ampliano a comprendere gli spazi aperti, le attrezzature e i servizi in tutto il rione. Parte dei finanziamenti andranno infatti proprio alle pensiline alle fermate dei bus, al rifacimento di marciapiedi e percorsi di accesso alla pista ciclabile “Cottur” e di connessione tra case e attrezzature pubbliche, all'illuminazione intesa come strumento per mettere in sicurezza parti del quartiere, alla sistemazione di aree a parcheggio e di spazi verdi.

 Ma non solo: il progetto prevede anche finanziamenti per le associazioni che sviluppino attività culturali e sportive, una decisione quest'ultima caldeggiata dall'Amministrazione proprio nella consapevolezza della ricca presenza e della storia ormai consolidata di associazionismo presente nel quartiere. Ancora, l'insediamento di una nuova sede di Microarea, sollecitato peraltro più volte dalla locale 7° Circoscrizione, va proprio nella direzione di avvicinare i servizi a questo ambito urbano e ai cittadini tutti che lo abitano.

Ci dispiace – sottolineano ancora gli Assessori - se alcuni cittadini hanno mal interpretato il progetto e l’approccio del bando, ma quel termine “aree degradate” ci permette di accedere ai fondi del Ministero per oltre 3 milioni di Euro e quindi attivare un piano di riqualificazione di Altura molto più profondo ed esteso.

Conosciamo bene la qualità della vita del rione di Altura e il valore delle persone che lo abitano, ma in un progetto di riqualificazione delle aree periferiche riteniamo di poter migliorare di molto le strutture e gli spazi del rione, anche a seguito delle osservazioni condivise con noi dagli abitanti nei numerosi incontri.

Siamo comunque ancora convinti – concludono i tre Amministratori comunali - dell’importanza del progetto per Altura e dell’importanza soprattutto che questo progetto si sviluppi con il contributo di tutti gli abitanti: ci attiveremo quindi per organizzare un incontro nel quartiere per chiarirci, ma soprattutto per condividere il percorso e gli obiettivi futuri. Riteniamo importante superare le polemiche e concentrare tutti gli sforzi per raggiungere i risultati che i cittadini ci chiedono, a beneficio dell'intera nostra città.”

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Emergenza Bora: raffiche a 140 km/h. Viabilità modificata e qualche ferito lieve (VIDEO)

    • Cronaca

      Spaccio di droga a Trieste, polizia arresta altro trafficante

    • Cronaca

      Vaccini obbligatori, il Tar respinge il ricorso dei genitori: obbligo per 9 mila bambini

    • Cronaca

      Eataly si svela: 85 posti di lavoro per il negozio "dedicato ai venti" (FOTO TOUR)

    I più letti della settimana

    • Emergenza Bora: raffiche a 140 km/h. Viabilità modificata e qualche ferito lieve (VIDEO)

    • "Mary Poppich e la Bora a 180 Km/h": il video di Maxino è virale

    • #AllertameteoTS lanciato dal Comune: condizioni meteo in peggioramento

    • Bagno a Barcola con Bora a 140 Km orari, «Lo faccio ogni giorno, per me è normale» (FOTO)

    • Schianto mortale di via Carnaro: Marzio Sai lascia moglie e due figli

    • "Gelicidio" sul Carso: incidenti a raffica. Mezzi spargisale in azione: riaperta la SP35 dal Quadrivio di Opicina

    Torna su
    TriestePrima è in caricamento