I progetti per piazza Sant'Antonio all'esame della IV Circoscrizione

Sono state presentate questa sera le ipotesi progettuali di riqualificazione per la piazza Sant'Antonio. Presenti in via Locchi l'assessore ai Lavori Pubblici Elisa Lodi e l'architetto Maurizio Bradaschia. Le quattro idee: spazio, prospettiva, verde e acqua, gli elementi di maggior spicco

Una delle quattro ipotesi presentate questa sera

Sono state presentate questa sera nel “parlamentino” della IV Circoscrizione di via Locchi le ipotesi progettuali per la riqualificazione della piazza Sant’Antonio. Alla serata sono intervenuti l’assessore ai Lavori Pubblici Elisa Lodi e l’architetto Maurizio Bradaschia, autore del rendering per lo spazio antistante alla chiesa di Sant’Antonio Nuovo.

Le parole dell'assessore e dell'architetto

“L’obiettivo è quello relativo all’ottenimento di un risultato che piaccia alla città e che non ci siano malumori” ha affermato la Lodi in apertura dei lavori. L’architetto Bradaschia ha successivamente illustrato il progetto. “Le ipotesi di progetto sono quattro, tutte che tendono a mantenere la memoria e le pietre del luogo. La piazza oggi è riconducibile agli interramenti dell’ultimo tratto del canale realizzati negli anni Trenta, che trasformarono la zona in una specie di giardino. Tutto questo, vista l’importanza e sulla base dei progetti, andrebbe eliminato”.

Quattro ipotesi diverse: spazio, prospettiva, verde e acqua

Le quattro ipotesi hanno evidenziato la differenza tra la piazza con o senza la presenza della fontana, con l’aggiunta nelle ultime tre degli alberi. Sulla base della spiegazione dell’architetto “nelle ipotesi A e F la piazza ridisegna lo spazio e le visioni prospettiche dell’area, mentre l’H e la L lo spazio stesso viene modellato in base alla sopravvivenza della storica fontana”. Le ipotesi sono state poi illustrate sulla base degli effetti di luce e di utilizzo che la riqualificazione sarebbe in grado di produrre, in base ai diversi momenti della giornata. Nelle ipotesi A e F ci potrebbe essere spazio anche per la collocazione di un’opera d’arte contemporanea, da posizionare, secondo la progettualità idealizzata dallo studio Bradaschia, poco prima dell’intersezione con via San Spiridione. La fontana nell’ultimo caso verrebbe spostata all’altezza del tempio ortodosso, creando una sorta di linea prospettica tra la chiesa cattolica e San Spiridione.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Ma per l'amor de Dio non stè nianche ciapar in considerazion de metter "un'opera d’arte contemporanea“. Ne basta la fontana ad inzio viale XX Settembre e il porta CD in piazza Goldoni. Limiteve a risistemar le piere, a ripiantar le piante e pulir la fontana.

  • Noi che abbiamo la fortuna di avere il mare dentro casa lo andremmo a togliere? quel fascino del canale? siete impazziti o dovete vendere cemento?

  • speriamo che la piazza rinnovata non abbia niente a che fare con il moderno ma mantega il fascino storico, modernizzarla con le solite cretinate degli architetti moderni che devono lasciare la loro "firma" snatura l'essenza e la bellezza di un posto che deve rimanere sulla scia di una città di altri tempi come era Trieste negli anni addietro

  • Perchè come che xe adesso xe un falso storico e architettonicamente no c'entra niente col contesto, anche se oramai tanti se ga abituà e, come al solito, xe sempre quei che... "no ste tocar niente!". No tuto poderà piàser (vedi el monumento a M. Teresa) ma perché dir subito "NO" senza aver visto e sopratutto valutado, con calma e senza pregiudizi, le proposte? Perché bisogna pensar che tuto quel che se fa de novo xe una porcheria a prescinder?

    • Perché ne basta veder la statua/fontana ad inizio viale XX settembre, il mega porta CD in piazza Goldoni e un poco anche la piazza davanti la posta..

    • di falsi storici ne abbiamo e molti faccio solo due esempi piazza Vittorio Veneto e piazza Goldoni, per non parlare del scempio fatto durante il periodo fascista in città vecchia, ricordo che Trieste è l'unica città ottocentesca in Italia e così dovrebbe rimanere,

      • di falsi storici ne abbiamo e molti faccio solo due esempi piazza Vittorio Veneto e piazza Goldoni, per non parlare del scempio fatto durante il periodo fascista in città vecchia, ricordo che Trieste è l'unica città ottocentesca in Italia e così dovrebbe rimanere,

  • Ma perchè??

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Ennesimo incidente in ex GVT: traffico in tilt

  • Cronaca

    Sei vagoni si sganciano e viaggiano per chilometri fino a Gorizia

  • Cronaca

    Venti decessi ogni 1000 persone per tumori, Trieste tra le città dove si muore di più

  • Cronaca

    Sfonda la vetrata di un negozio e ruba 2.600 euro: arrestato

I più letti della settimana

  • Shock sulla 20, presunta aggressione a ragazza di 17 anni

  • Auto perde il controllo e si cappotta sul Raccordo Autostradale (VIDEO)

  • Vivono in 35 metri quadri dopo aver perso tutto, la storia di una famiglia a Opicina

  • Sequestra una donna al settimo mese di gravidanza: arrestato

  • Donna trovata morta nel bagagliaio dell'auto

  • Elezioni comunali 2019, come si vota: la guida completa

Torna su
TriestePrima è in caricamento