Ritorno "a casa" per i bimbi de "La Filastrocca": inaugurato il nido in via Svevo (FOTO)

Brandi: «Solo 23 posti perchè la la precedente amministrazione non ha previsto di realizzare quella scala antincendio». Lodi: «A breve i lavori sul giardino inquinato». Roberti: «A volte amministrare bene vuol dire mettere toppe sugli errori di altri»

Seconda inaugurazione per i servizi scolatici e lavori pubblici del Comune di Trieste a distanza di soli due giorni. Se mercoledì è stato tagliato il nastro della struttura che ospita scuole d'infanzia ed elementari, oggi è stata la volta del nido d'infanzia "La Filastrocca" di via Svevo 21/1; sono intervenuti il vicesindaco Pierpaolo Roberti, gli assessori all'Educazione Angela Brandi e ai Lavori Pubblici Elisa Lodi, la coordinatrice pedagogica Michela D'Andri, il parroco di San Gerolamo don Roberto Pasetti, che ha benedetto la rinnovata sede, nonché dirigenti e tecnici del Comune di Trieste.

«Dopo cinque anni - ha detto l'assessore Angela Brandi - i bambini de “La Filastrocca sono ritornati nella loro sede storica (all'interno del Polo 0-6 di via Svevo dove sono già ospitati il nido Scarabocchio e la scuola d'infanzia don Chalvien) dopo essere stati ospitati nella struttura di Valmaura, hanno trovato ambienti belli e funzionali, anche con una bellissima terrazza e dove potranno stare a contatto con i loro coetanei. Peccato che la precedente amministrazione non abbia previsto di realizzare quella scala antincendio che avrebbe consentito di aggiungere, ai 23 attuali, ulteriori 10 posti per questo nido, riportandolo alla sua capienza originaria. Cercheremo comunque di sanare questa situazione avviando le procedure per dotarci della scala antincendio». Tra i prossimi obiettivi, sempre in tema di nidi d'infanzia - ha ricordato ancora Brandi - «puntiamo a costruire un nuovo asilo nido a San Giovanni in continuità con la scuola dell'infanzia “Nuvola Olga” inaugurata a gennaio e poi l'asilo nido previsto a Roiano, negli spazi dell'ex caserma della Polizia  Stradale».

«Quello al nido “La Filastrocca” - ha aggiunto l'assessore Elisa Lodi - è stato un intervento di 400 mila euro che ha permesso di garantire la sicurezza anti-incendio della scuola rinnovando con spazi funzionali tutti gli ambienti. Il prossimo passo è quello di realizzare quella scala antincendio esterna che manca, in modo da offrire una maggiore possibilità di capienza per il nido». Per quanto riguarda complessivamente il Polo di via Svevo, dai primi di ottobre interverremo sul giardino inquinato, con lo scortico del manto erboso e la nuova piantumazione superando i noti problemi legati all'inquinamento diffuso».

«Amministrare bene - ha concluso il vicesindaco Pierpaolo Roberti - non vuol dire solo progettare e ideare cose nuove, ma porre talvolta anche una toppa su dimenticanze del passato. Cercheremo quindi di trovare le risorse necessarie per la scala antincendio e ciò ci consentirà di sfruttare a pieno la struttura, dando una risposta alle tante domande che riguardano gli asili nido. Del resto, il piano delle opere che abbiamo messo in campo è imponente e una bella fetta riguarda proprio l'edilizia scolastica».     

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Canizie precoce, cause e rimedi per prevenire la comparsa dei capelli bianchi

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

  • Maxi frode in tutta Europa con sequestri per 80 milioni di euro e 25 arresti, in carcere doganiere triestino

Torna su
TriestePrima è in caricamento