Diciottenne di Ronchi malmenato e derubato a Padova, presi i due rapinatori

L'episodio risale al 23 aprile scorso ed è successo nella centralissima pensilina del tram di Prato della Valle. Tre settimane di indagini che hanno portato alla denuncia per rapina di due giovani padovani di origine moldava

foto del luogo della rapina

E' residente a Ronchi dei Legionari il 18enne di origine brasiliana rapinato da due giovani moldavi in Prato della Valle a Padova il 23 aprile scorso. I due ladri l'hanno prima spintonato e poi gli hanno sottratto il cellulare. Subito dopo sono scappati e si sono dati alla macchia. Dopo le testimonianze dei presenti e la visione delle immagini di telesorveglianza, gli inquirenti hanno individuato i due ladri. 

Il furto e la fuga

Il ragazzo 18enne stava aspettando il tram nei pressi della centralissima pensilina di Prato della Valle. Nonostante la presenza di molte altre persone, i due ragazzi moldavi si sono avvicinati al ronchese e l'hanno derubato. Nel furto la vittima non è rimasta ferita ma ha sporto denuncia. Un elemento da chiarire è se vittima e aggressori avessero qualche rapporto o se si sia trattato di un attacco puramente casuale. 

La denuncia per rapina

I due baby rapinatori (V.A. di 18 anni e B.C. di 20 ndr) sono stati individuati dagli investigatori dopo aver interrogato i testimoni presenti sulla scena e analizzando i video delle telecamere della zona. Sono bastate tre settimane alle forze di polizia per individuare i due e per notificargli una denuncia per rapina in concorso. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

  • Le salme di Matteo e Pierluigi arrivate in Questura, allestita la camera ardente

  • Come arredare un monolocale sfruttando gli spazi in maniera ottimale

  • Investimento sulle strisce in viale Miramare: grave una donna

Torna su
TriestePrima è in caricamento