Salvarono la vita a una donna al Pedocin: premiati in comune di due bagnini eroi

L'assessore Giorgio Rossi consegna i riconoscimenti ai due giovani Francesca Azzarelli e Simone Loy

La scorsa estate lo stabilimento comunale "Alla Lanterna", meglio noto come Pedocin è stato scena di alcuni gravi episodi di cronaca: due in particolare i casi in cui sono stati necessari gli interventi degli assistenti bagnanti, purtroppo solo uno dei due andato a buon fine. 

Per la professionalità dimostrata e il salvataggio eroico - infatti la signora S.C. di 73 anni è fuori pericolo di vita - a Ferragosto, i giovani Francesca Azzarelli e Simone Loy sono stati premiati in Comune, nel salotto Azzurro, quello delle grandi occasioni, dall'assessore allo Sport Giorgio Rossi: «Abbiamo voluto riporre in voi un messaggio per la popolazione che spesso, davanti a un incidente o problema, si comporta in modo disinteressato. Voi siete due universitari e rappresentate ragazzi che hanno voglia di lavorare e studiare, siete un esempio per la nostra città, cittadini modello: siate fieri di voi stessi, lo siano le vostre famiglie e i vostri futuri figli».

Sulla targa del Comune la scritta: con riconoscenza e ammirazione per la grande profesisonalità dimostrata in occasione del salvataggio 15 agosto 2017 presso il Bagno Marino “Alla Lanterna”. Firmato il sindaco Roberto Dipiazza e l’assessore GIorgio Rossi. 

Il responsabile del servizio di salvamento Eugenio Bartoluccio ha poi consegnato all’assessore Rossi un “kit” da assistente bagnanti della Federazione italiana nuoto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento