Sanità: AsuiTs istituisce la Consulta permanente aziendale sulla disabilità

Welfare locale, un sistema integrato di interventi e servizi sociali che prevede il coinvolgimento e la responsabilizzazione, accanto agli attori pubblici, anche dei soggetti del “no profit”

La Consulta Permanente aziendale sulla Disabilità, composta dall’A.S.U.I.Ts e da soggetti operanti nel settore no profit, viene istituita per ottimizzare e valorizzare le risorse e le potenzialità del contesto locale e per promuovere i livelli di salute sostenibile del singolo e della comunità, anche attraverso l’impegno per lo sviluppo di un welfare locale e partecipato, che consenta la realizzazione di programmi atti a sostenere i fattori di protezione e promozione della salute, favorendo la collaborazione con altri enti, istituzioni e con le Associazioni di volontariato e di promozione sociale, per garantire servizi più aderenti alle necessità dei cittadini che si rivolgono ai servizi sanitari.

I Livelli Essenziali di Assistenza (Lea) prevedono che il Servizio sanitario nazionale garantisca, nell’ambito dell’assistenza distrettuale e territoriale ad accesso diretto, “alle persone con disabilità complesse, la presa in carico multidisciplinare e lo svolgimento di un programma terapeutico e riabilitativo individualizzato differenziato per intensità, complessità e durata..” e inoltre l’integrazione dell’assistenza distrettuale alle persone con disabilità complesse mediante “interventi sociali in relazione al bisogno socioassistenziale emerso dalla valutazione”.

La Consulta Permanente aziendale sulla Disabilità avrà la finalità di apportare un contributo alla risoluzione molteplici problematiche:
1. analisi dell’attuale protocollo EMH (Équipe Multidisciplinare per l’Handicap) all’interno della rete integrata dei servizi sociosanitari, nell’ambito di competenza territoriale dell’ASUITs;
2. trasporto non sanitario;
3. continuità nel passaggio dall’età evolutiva a quella adulta;
4. accesso al Pronto Soccorso, ospedali ed ambulatori;
5. miglioramento dell’accessibilità intra-ospedaliera;
6. politiche abitative.

Entro venerdì 13 aprile 2018 possono presentare manifestazione di interesse per aderire alla "Consulta Permanente aziendale sulla Disabilità" le Associazioni di volontariato e/o di promozione sociale operanti nel settore socio-sanitario (nello specifico, nel settore della disabilità), aventi sede nel territorio di competenza dell’ASUITs ed iscritte, da almeno sei mesi, nei rispettivi Registri regionali.

«Come doveroso – commenta il dott. Flavio Paoletti, Direttore dei Servizi Sociosanitari -, la proposta fatta dalle Associazioni durante la Consulta fatta nel mese di dicembre 2017, è stata da questa Direzione accolta, dando vita a questa nuova Consulta permanente. L'obiettivo è quello di rilevare in modo congiunto i nuovi bisogni delle persone con disabilità e dei loro care giver, al fine di programmare assieme gli interventi e le istanze istituzionali che ASUITs metterà in campo nei prossimi mesi. Solo coinvolgendo coloro che vivono quotidianamente la disabilità si possono progettare servizi utili a rispondere alle diverse esigenze. Dopo questa indagine conoscitiva predisporremo un regolamento interno di funzionamento».

Le modalità di presentazione delle richieste sono pubblicate nell’Avviso presente sul sito internet di ASUITs al link
http://www.aas1.sanita.fvg.it/it/partner/associazionismo_terzo_settore/avviso_consulta_disabili_2018.html,

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento