Sanità, Telesca: «Isontino apripista di un percorso preferenziale di accoglienza disabili in pronto soccorso»

«La sanità isontina è all'avanguardia in vari fronti e nell'ambito della disabilità potrà essere un modello da esportare negli altri pronto soccorso della regione»

Ben venga se la sanità isontina farà da apripista realizzando un percorso preferenziale di accoglienza per le persone con disabilità nei pronto soccorso.
Questo il concetto espresso dall'assessore regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca, in occasione dell'inaugurazione della nuova sede dell'associazione nazionale famiglie di disabili intellettivi e relazionali (Anffas) di Gorizia e dell'attiguo centro di formazione professionale (Cfp) per persone con disabilità gestito dalla cooperativa sociale Trieste-Integrazione.
L'assessore ha confermato la disponibilità della Regione in questo ambito dopo che il presidente dell'Anffas di Gorizia, Mario Brancati, ha espresso l'auspicio che attraverso il progetto Delfino, all'interno del quale un gruppo di persone disabili sta riscrivendo la carta dei servizi dell'azienda servizi sanitari Bassa Friulana-Isontino, ad aprile 2018 l'ospedale di Gorizia possa essere il primo in Friuli Venezia Giulia a dotarsi di un canale d'accesso prioritario per i disabili gravi e gravissimi.

Telesca ha ricordato che «la sanità isontina è all'avanguardia in vari fronti e nell'ambito della disabilità potrà essere un modello da esportare negli altri pronto soccorso della regione. Negli ultimi quattro anni sono stati molti i temi affrontati dalla Regione assieme a Anffas, come l'autismo, in merito al quale il 21 dicembre verrà nominato il Tavolo per l'autismo adulto. Stiamo assistendo finalmente a un grande cambiamento culturale con un approccio diverso rispetto al mondo della disabilità e l'adozione di una visione basata sull'inclusione sociale».
La nuova sede dell'Anffas di Gorizia, che si trova in viale Terza Armata 133, rende più agevole lo svolgimento dell'attività dell'associazione ed è perfettamente integrata con l'adiacente Cfp, nel quale si trovano 2 aule dotate di computer per i corsi di grafica digitale e per il conseguimento della patente europea del computer (Ecdl) riservati ai ragazzi disabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

Torna su
TriestePrima è in caricamento