Sanità: SC Chirurgia generale di Trieste riferimento per interventi contro obesità

Dal 2006 sono stati sottoposti ad intervento chirurgico per obesità 423 pazienti, e altri 85 pazienti sono stati trattati con il posizionamento endoscopico di un palloncino intragastrico

Da gennaio 2017 la SC Chirurgia generale diretta dal professor Nicolò de Manzini è centro chirurgico di riferimento per la chirurgia bariatrica riconosciuto dalla Sicob (Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità). Il centro ha soddisfatto i requisiti richiesti in quanto a numero di interventi all’anno, adeguatezza delle strutture ospedaliere, collaborazione di un gruppo di specialisti all’interno di un team multidisciplinare, presa in carico dei pazienti in un lungo follow up ambulatoriale.

Gli interventi bariatrici sono eseguiti dall’equipe chirurgica specializzata (le dottoresse Silvia Palmisano e Michela Giuricin con il professor Nicolò de Manzini) così come l’attività ambulatoriale con l’infermiera dedicata (IP Annamaria Kulla). Dal 2006 sono stati sottoposti ad intervento chirurgico per obesità 423 pazienti, e altri 85 pazienti sono stati trattati con il posizionamento endoscopico di un palloncino intragastrico. Da circa 2 anni è in atto una stretta collaborazione con il reparto di endocrinologia e malattie del metabolismo dell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine diretto dal dottor Franco Grimaldi, a cui afferiscono pazienti di una vasta area regionale e che vengono inviati presso la struttura per essere sottoposti ad intervento chirurgico.

Questo importante obiettivo è stato raggiunto grazie all’ormai consolidata collaborazione multidisciplinare tra diverse figure specialistiche coordinate dai chirurghi bariatrici. Tra gli specialisti coinvolti ricordiamo la dottoressa Ariella De Monte, referente dell’ambulatorio dipartimentale di diabetologia pre e perioperatoria, le dietiste del servizio di dietetica di direzione medica di presidio (dottoressa Mariangela Visintin e Vanessa Rota), gli psichiatri afferenti alla clinica psichiatrica, lo psicologo esterno (dottor Paolo di Nisio), e i gastroenterologi (dottoresse Flavia Urban e Catrin Simeth e dottor Fabio Monica). Il prossimo obiettivo sarà quello di intensificare l’attività chirurgica per ridurre i tempi di attesa e mettere a disposizione le nostre competenze ad un sempre maggior numero di persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento