Migranti, Sap: "Rintracci più che raddoppiati rispetto allo scorso anno"

"In questi primi cinque mesi dell’anno i rintracci sono stati 682 contro i 262 del 2018, con il picco di questa settimana con oltre 200". Lo rende noto il SAP FVG in occasione del 9° congresso Regionale. Tamaro: "Serve azione immediata, non si può più aspettare"

Foto di repertorio

"La rotta balcanica è nuovamente all’onore delle cronache ed è tornata prolifica da quando si è attuato il blocco degli arrivi via mare. In questi primi cinque mesi dell’anno i rintracci sono più che raddoppiati rispetto allo scorso anno, 682 contro i 262 del 2018, con il picco di questa settimana con oltre 200". Lo rende noto il SAP in occasione del 9° congresso Regionale del SAP Friuli Venezia Giulia, che ha avuto luogo ieri con il tema "immigrazione e sicurezza Friuli Venezia Giulia, un territorio in prima linea”. Titolo attuale poiché nella stessa mattinata sono stati rintracciati oltre 100 clandestini a Trieste.

"Si tratta di emergenza e come tale va trattata, ci vogliono segnali forti dalle Istituzioni e dall’Esecutivo, vanno rinforzati gli organici della Polizia di Stato, deve essere impiegato personale dell’Esercito per dar manforte ai colleghi in tutte le attività conseguenti al rintraccio dei migranti, vanno firmati gli accordi con il Governo Sloveno per l’impiego della loro polizia nelle pattuglie miste e vanno riviste le snellire le procedure per le riammissioni. Inoltre non va sottovalutata l’emergenza terrorismo islamico perché ancora incombente con il rischio concreto di possibili infiltrazioni nei flussi migratori di terroristi pronti ad agire. Sono state toccate tutte le criticità dei Reparti della Polizia di Stato, oggi rispetto a 10 anni fa mancano oltre 800 poliziotti in Friuli Venezia Giulia e molti servizi di controllo del territorio sono diminuiti drasticamente".

Al termine dei lavori è stato riconfermato alla guida del SAP regionale Comelli Olivo, nominato Tamaro Lorenzo Segretario Regionale Aggiunto e Vice Segretari Visentini Maurizio, Prosperini Giovanni Battista, Pino Flavio e De Marco Daniele.

Il Consiglio Regionale sarà composto da Bianchi Fabrizio, Braico Michela, Carfi Simon, Cernetig Marco, Di Donato Cristina, Fabris Dino, Fazioli Mario, Fornasaro Davide, Mazzolini Alessia, Michenzi Massimo, Obit Angelo, Pantaleo Antonio, Rossa Giuliano, Rotta Laura Scardillo Dario Tioni Nicola e Visentini Luca.

"Non si puo' più rimandare, non si può più aspettare - ha dichiarato in merito il segretario provinciale Lorenzo Tamaro -. Il centinaio di persone rintracciate solo oggi non ci stupiscono affatto. Lo avevamo detto in tempi non sospetti e proprio nei giorni scorsi abbiamo per l'ennesima volta denunciato, come abbiamo fatto nel corso di questi anni, le difficoltà e le necessità indispensabili per affrontare l'emergenza del nsotro territorio esposto in prima linea".

"Servono uomini - ribadisce Tamaro -  e nemmeno pochi per contrastare quanto accade! Soprattutto rinforzi per gli specialisti quali la Polizia di Frontiera e l'Immigrazione. Servono uffici adeguati, per smaltire la mole di lavoro in modo dignitoso e sicuro. Si necessita di controlli sanitari per prevenire e curare possibili patologie che queste persone potrebbero aver contratto durante il "viaggio della speranza". La situazione è critica! Serve Fare e fare presto!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

Torna su
TriestePrima è in caricamento