Sappada, Panontin: «Apprezzabile la decisione del Senato sul passaggio al Fvg»

Commento positivo dell'assessore alle Autonomie locali del Friuli Venezia Giulia Paolo Panontin sul via libera del Senato per il distacco del Comune di Sappada dal Veneto: «Un passaggio chiesto a lungo e con molta convinzione dalla popolazione»

«È apprezzabile la decisione del Senato, che ha permesso un passaggio chiesto a lungo e con molta convinzione dalla popolazione». Lo ha affermato l'assessore alle Autonomie locali del Friuli Venezia Giulia Paolo Panontin commentando il parere favorevole della commissione Bilancio di Palazzo Madama al ddl che dà il "via libera" al distacco dal Veneto del Comune di Sappada, in provincia di Belluno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Panontin «questo passaggio, che sicuramente è importante e sentito dalla comunità, conclude positivamente una lunga fase di preparazione, e apre ai successivi adempimenti che saranno auspicabilmente fluidi». L'ingresso di Sappada nel territorio regionale - ha concluso l'assessore - va considerato come un naturale adeguamento dei confini amministrativi recepito dall'esito di un referendum e confidiamo possa contribuire a rafforzare i rapporti di collaborazione e buon vicinato con il Veneto». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Geranio: i consigli per farlo crescere rigoglioso e forte

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Addio alle mascherine all'aperto, ma a distanza di sicurezza: Fedriga firma l'ordinanza

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • Dall'altra parte del confine, parlano i titolari delle gostilne slovene: "Situazione disastrosa"

Torna su
TriestePrima è in caricamento