Sequestro record dei Carabinieri: merce contraffatta di altissima qualità per oltre un milione di euro

16.27 - Coinvolti anche dei commercianti triestini che si recavano all'ingrosso di Pradamano per acquistare i prodotti tarocchi

I Carabinieri del nucleo investigativo del Comando Provinciale di Trieste hanno messo a segno un maxi sequestro, il più grande mai eseguito, di merca contraffatta: non parliamo però di bassa qualità, ma bensì di prodotti di livello altissimo, tanto che erano gli stessi commercianti della regione (tra cui anche triestini) e degli stati limitrofi (Slovenia, Croazia e Austria) che li compravano per poi metterli in vendita al prezzo di quelli originali.

I militari, dopo aver scoperto in alcuni negozi di Trieste questi prodotti contraffatti - nella nostra città, come in tutta l'Arma, si sono ormai raggiunti alti livelli di professionalità e strette collaborazioni con i tecnici delle case delle grandi produzione -, sono risaliti al centro commerciale di Pradamano al quale possono accedere solo i titolari di partita iva (quinidi i negozianti). Il capitano Fabio Pasquariello, il Ten. Col. Antonio Garritani comandante del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Trieste, e il capitano Massimo Soggiu, comandante della Compagnia Carabinieri di Tarvisio, hanno spiegato in una conferenza stampa che nelle date del 5 e 6 agosto (a Tarvisio, dove giungeva parte di questa merce) sono partite gli accertamenti sotto la direzione del Procuratore facente funzioni Raffaele Tito e dal Sosituto procuratore Claudia Danelon (della Procura di Udine).

Nel centro di Pradamano i militari hanno sequestrato 5572 capi di abbigliamento e articoli di pelletteria riportanti grandi marchi come Louis Vuitton, Desigual, Moncler, Gucci, Ralph Lauren e Ynot, del valore commerciale di 1.073.750 euro (per esempio, la borsa a forma di riccio in foto, era venduta all'ingrosso per 125 euro, ma in negozio a 1500 euro). A gestire il centro c'erano 13 persone di nazionalità cinese che sono state denunciate per i reati di ricettazione e commercio di prodotti contraffati. 

Nel centro di Tarvisio, una specie di succursale dell'ingrosso di Pradamano, sono stati sequestrati invece un centinaio di prodotti della Desigual del valore commerciale di 35.000 euro. Anche in questo caso sono partite le denunce per 7 cittadini italiani e altri 3 di nazionalità cinese.

Come detto in precedenza le indagini sono partite da Trieste, dove alcuni commercianti sono stati sorpresi a vendere questi prodotti contraffati: seppur la qualità della merce sia davvero di alto livello - dato confermato dai Carabinieri e tecnici delle case di produzione - questi negozianti non potevano essere allo scuro della contraffazione, infatti il canale scelto per l'acquisto non era quello ufficiale di questi grandi marchi e quindi anche per loro è scattata la denuncia per ricettazione (in caso di inconsapevolezza comunque è previsto un reato penale che è quello dell'incauto acquisto).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • "[...] essere allo scuro [...]"? -_-'

  • Avatar anonimo di gigi
    gigi

    I nomi !!

Notizie di oggi

  • Economia

    Pasta Zara passerà a Barilla

  • Incidenti stradali

    Macchina si schianta contro un camion in autostrada, morte due persone

  • Incidenti stradali

    Incidente sul RA14: traffico bloccato

  • Cronaca

    Di Finizio in cima all'Ursus da 17 ore: "Non morirò in silenzio" (VIDEO)

I più letti della settimana

  • Shock sulla 20, presunta aggressione a ragazza di 17 anni

  • Il Festival della pizza sbarca a Trieste

  • Auto perde il controllo e si cappotta sul Raccordo Autostradale (VIDEO)

  • Macchina si schianta contro un camion in autostrada, morte due persone

  • Sequestra una donna al settimo mese di gravidanza: arrestato

  • Venti decessi ogni 1000 persone per tumori, Trieste tra le città dove si muore di più

Torna su
TriestePrima è in caricamento