Caf e patronati a rischio: grido d'allarme dei sindacati

L'allarme di Cgil-Cisl-Uil: «Insostenibili i tagli in Finanziaria». Il 20 incontro a Monfalcone con senatori e deputati del Friuli Venezia Giulia per chiedere di intervenire in sede parlamentare. Elevato il rischio di compromettere l'importante funzionalità e operatività di Caf e patronati

Servizi fiscali e previdenziali a rischio per decine migliaia di cittadini anche in Friuli Venezia Giulia. Questo il rischio concreto che potrebbe concretizzarsi se il Parlamento dovesse confermare i tagli ai Caf e ai patronati dei sindacati e delle associazioni di categoria, previsti dal disegno di legge di stabilità presentato dal Governo. Tagli che ammontano rispettivamente a 100 milioni per i servizi di assistenza fiscale, pari a un terzo delle attuali entrate, e a 48 per quelli di natura previdenziale garantiti dai patronati, dopo un taglio di 35 milioni già subito nel 2014, con un calo di entrate che complessivamente supererebbe il 20%. Evidenti, vista l’entità delle misure, le ripercussioni sui bilanci e sul personale.

Con inevitabili ricadute sui servizi erogati, che riguardano un bacino complessivo, a livello nazionale, di 17 milioni di contribuenti per i Caf e di quasi 7 milioni di lavoratori, pensionati e cittadini per i patronati. L’impatto sarebbe pesantissimo anche in regione, dove sono quasi 300mila le dichiarazioni dei redditi elaborate o comunque presentate attraverso i Caf, oltre a 90mila modelli Isee e altri servizi di natura fiscale e contabile, e dove l’85% delle domande di pensione passa attraverso i patronati, per un ammontare complessivo di circa 150mila pratiche previdenziali o assistenziali all’anno. Da qui l’appello che le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil, con i rispettivi segretari organizzativi Emanuele Iodice, Alberto Monticco e Claudio Cinti, hanno rivolto ai parlamentari del Fvg, invitandoli a un incontro in programma a Monfalcone venerdì 20 novembre.

Nell’occasione i rappresentanti dei sindacati confederali chiederanno a deputati e senatori del Fvg di intervenire in sede di discussione parlamentare per cancellare una misura che, se approvata, danneggerebbe gravemente una rete di servizi diffusi sul territorio ed efficienti, a garanzia di tutti i cittadini e in particolare dei più deboli. La richiesta, spiegano i sindacati nella lettera inviata ai parlamentari, si colloca nell’ambito di una campagna d’informazione e sensibilizzazione dell'opinione pubblica che si sta sviluppando su tutto il territorio nazionale ed è tesa a dimostrare le gravi ripercussioni che avrebbero questi provvedimenti.

I tagli prospettati, infatti, rischiano di compromettere l’importante funzione sociale che da sempre svolgono i Caf, con particolare riferimento alle tariffe praticate per le dichiarazioni dei redditi e per la compilazione del modello Isee, necessario per godere delle prestazioni sociali agevolate che la pubblica amministrazione prevede per chi è in situazione di svantaggio economico o sociale. Importanti ripercussioni potrebbero registrarsi anche sul progetto 730 precompilato.
I Caf, se i tagli fossero quelli prospettati, non sarebbero infatti in grado di garantire, tra le altre cose, le attività che quest’anno hanno determinato il buon esito dell’operazione , visto che attraverso i Caf o un intermediario è pervenuto il 93% delle dichiarazioni, mentre quelle inviate direttamente all’Agenzia delle Entrate sono state soltanto il 7%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Il virus in Fvg non si ferma: 114 nuovi positivi e sette decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento