Sfondano un appartamento in via Giulia, nei guai tre giovani ladre

La proprietaria le ha viste e ha chiamato il 112. Immediato l'intervento degli uomini della Questura di Trieste che le hanno bloccate mentre si stavano dando alla fuga. In carcere una 19enne e due ragazze di 22 anni

Una ragazza di 19 e due di 22 anni sono state arrestate ieri pomeriggio dalla Polizia di Trieste in via Battisti con l’accusa di furto aggravato e possesso ingiustificato di oggetti per lo scasso. Già note alle forze dell’ordine per precedenti contro il patrimonio, le tre ladre sono state accompagnate in carcere.

I fatti

La segnalazione e il successivo intervento degli uomini della Questura di Trieste sono arrivate dopo che le tre giovani ragazze erano state avvistate mentre stavano uscendo di fretta da un condominio di via Giulia. Nel darsela a gambe le tre giovani erano in procinto di salire a bordo di una macchina diretta verso il centro città.

L’arresto davanti ai passanti

La donna che le aveva viste, proprietaria di un appartamento in quello stabile, ha riscontrato lo sfondamento della porta d’ingresso e il furto di parecchi oggetti. Subito dopo ha chiamato il 112 e una Volante della Polizia si è recata sul posto e ha intercettato il veicolo procedendo con l’identificazione e il successivo arresto tra gli sguardi dei molti passanti all’inizio di via Battisti. Dopo la perquisizione del veicolo e delle ragazze gli uomini della Polizia hanno trovato molti oggetti atti allo scasso e residui di furti di molti appartamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

Torna su
TriestePrima è in caricamento