Sicurezza stradale, arrivano gli "autovelox" fissi nelle vie "pericolose"

Roberti: «Questa di oggi è un'operazione trasparenza, non vogliamo fare cassa, ma prevenzione». Il vicecomandante Milocchi: «Settimanalmente informeremo i cittadini su dove disporremo i controlli»

Due zone in cui si sono verificati altrettanti incidenti mortali e una terza in cui il rischio è forse maggiore: via Flavia, viale Miramare e via Marchesetti saranno le prime tre sedi (sulle 11 individuate dalla Polizia locale) ha ospitare il nuovo autovelox fisso. «La presentazione della nuova dotazione è un'operazione di trasparenza, siamo infatti lontanissimi dal concetto di "fare cassa", bensì vogliamo prevenire, far sì che su tratti stradali "pericolosi" i veicoli rispettino il codice della strada e non superino i limiti di velocità provocando incidenti». Così il vicesindaco Pierpaolo Roberti ha presenato i tre box autovelox e l'autovelox stesso in dotazione al corpo di polizia comunale. 

«Sono di colore arancione, molto visibili e individuabili, muniti di apposita luce e verranno disposti in viale Miramare 13 (altezza gelateria Arnoldo, da Barcola verso Trieste, poco prima dell'attraversamento pedonale), via Flavia 130, all'incrocio con via Frigessi (poco prima della rotonda) e via Marchesetti, all'altezza dell'attraversamento pedonale (dove si è verificato l'incidente che è costato la vita a Giulia Buttazzoni) - ha detto Roberti -. Ma oltre a queste vie, ci sarà la possibilità di utilizzare l'autovelox in altre postazioni per "appostamenti spot", sempre in tratti stradali dove la velocità risulta eccessiva».

«Nonostante si registri un calo di incidenti mortali – ha sottolineato il vicesindaco -, il nostro obiettivo è far sì che scendano a zero. Non esistono strade killer, bensì strade di forte scorrimento veicolare dove la gente va ad alta velocità, pertanto è quantomai necessario far rispettare il codice della strada. Abbiamo fatto uno studio con la Polizia locale e individuato questi tre punti più critici con il maggior numero di pedoni investiti. Infine – ha precisato ancora Roberti – anche se al momento disponiamo di un autovelox, che può essere montato all'interno di ognuno delle tre cabine-box a rotazione, il nostro obiettivo è creare comunque un "deterrente" che obblighi le persone a rallentare».

Con il vicesindaco e assessore alla Polizia locale c'erano anche il direttore di servizio Paolo Jerman e il vicecomandante Walter Milocchi che ha tenuto a precisare che «settimanalmente segnaleremo alla cittadinanza dove verranno dispositi i controlli: questa settimana sarà la volta di via Carnaro, passeggio Sant'Andrea e via dell'Istria».

autovelox polizia locale-5

autovelox polizia locale-3

autovelox polizia locale-4

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

Torna su
TriestePrima è in caricamento