Siringhe e degrado in complesso scolastico "Tor Cucherna" e nido "Tuttibimbi", sopralluogo Amministratori comunali

Il Vicesindaco Pierpaolo Roberti anche quale delegato alla sicurezza, e gli Assessori all'Educazione Angela Brandi e ai Lavori e Verde pubblico Elisa Lodi con la coordinatrice scolastica Irene Fontanot hanno constatato il persistere di una situazione generale di degrado

Sopralluogo degli Amministratori municipali stamane al complesso scolastico comunale sottostante la via Capitolina, dove hanno sede la scuola dell'infanzia “Tor Cucherna” (via dell'Asilo 2) e l'asilo nido “Tuttibimbi” (via di Caboro 2), e all'annesso giardinetto/parco giochi pubblico oggetto di un visibile degrado e della sgradevole ripetuta “presenza” di siringhe, preservativi usati, bottiglie di alcolici frantumate e altri rifiuti abbandonati. Stato di degrado e sgradite “presenze” segnalate alla precedente Amministrazione da un Comitato di genitori dei bambini frequentanti le suddette sedi scolastiche (l'ultima volta nel marzo di quest'anno, così è stato riferito), ma senza risultati.

Oggi, i competenti Amministratori intervenuti – il Vicesindaco Pierpaolo Roberti anche quale delegato alla sicurezza, e gli Assessori all'Educazione Angela Brandi e ai Lavori e Verde pubblico Elisa Lodi, presente anche la coordinatrice scolastica Irene Fontanot – hanno constatato il persistere di questa situazione generale, pur in parte ridimensionata dai primi interventi urgenti fatti svolgere nella giornata dell'altro ieri, mercoledì 3 agosto, almeno per uno sfalcio dell’erba sugli spazi esterni del nido “Tuttibimbi” (occasione peraltro anche questa, purtroppo, per il ritrovamento di ulteriori siringhe che è verosimile ritenere vengano gettate dai frequentatori dell'adiacente giardino pubblico) e oggi per una prima pulizia di massima del giardinetto pubblico.

“E' evidente – hanno osservato gli Assessori – come siano indispensabili altri e maggiori interventi per superare l'incuria e cercare di apportare un concreto miglioramento a una situazione da troppo tempo trascurata. Saranno certamente necessari, come chiesto anche dai genitori, una maggiore frequenza delle pulizie e della raccolta d'immondizie al giardinetto, una migliore manutenzione del verde e dei giochi (considerato che il giardino è frequentato da molti bambini, soprattutto all'orario d'uscita pomeridiano), ma anche una serie di manutenzioni interne alle scuole”.

Per diversi degli aspetti di pubblico decoro e di sicurezza sopra descritti, in particolare relativamente alle improprie frequentazioni segnalate dai genitori, ai segni evidenti di una non occasionale presenza di tossicodipendenti, ma anche ad alcuni recenti furti con scasso dalle automobili parcheggiate anche solo per pochi minuti, davanti alla scuola e in orario mattutino (fatti anche questi lamentati da diversi genitori) si rende indispensabile – è stato osservato – una maggior presenza e controlli da parte delle forze dell'ordine. 

Inoltre, sarà anche verificata – hanno detto Roberti, la Brandi e la Lodi – la possibilità di aderire alle ulteriori richieste espresse dal Comitato dei genitori, in particolare per quanto concerne l'apposizione di un cartello di segnalazione dell'attraversamento pedonale con bambini in prossimità dell'ingresso della scuola, l'eventuale ripristino del collegamento (attualmente lasciato in disuso) tra il nido “Tuttibimbi” e la materna “Tor Cucherna”, il ripristino da parte di Acegas del cassonetto già esistente presso la scuola ma poi spostato in una posizione più lontana.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Canizie precoce, cause e rimedi per prevenire la comparsa dei capelli bianchi

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Morta la bimba di 4 anni rimasta in auto sotto il sole rovente a Rovigno

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

Torna su
TriestePrima è in caricamento