Padre e figlio arrestati dai Carabinieri: coltivavano marijuana in casa (FOTO)

Negli appartamenti dei due, 61 e 27 anni, una vera e propria centrale di coltivazione e produzione della sostanza stupefacente

I Carabinieri delle Stazioni di Scorcola e via dell’Istria, in collaborazione con quelli del Nucleo Radiomobile e del Nucleo Operativo della Compagnia di via Hermet, nella tarda serata del 5 gennaio, hanno arrestato due triestini, C.A e C.G., rispettivamente di 61 e 27 anni (padre e figlio), per coltivazione, produzione e detenzione di sostanze stupefacenti.

I militari dell’Arma, intervenuti in un condominio nella zona tra Roiano e Gretta per una lite fra condomini, si sono insospettiti a causa di un forte odore di marijuana proveniente da uno degli appartamenti del palazzo. Dagli accertamenti e gli approfondimenti investigativi svolti nell’immediatezza, i Carabinieri hanno scoperto che all’interno di due appartamenti di proprietà degli arrestati, era stata creata una vera e propria centrale di coltivazione e produzione di marijuana, con tanto di camere di coltivazione, box di essiccamento, lampade uv, fertilizzanti, termometri, sminuzzatori, bilancini e buste per il confezionamento.

Doppio aver eseguito accurate perquisizioni nelle abitazioni degli interessati, i Carabinieri hanno rinvenuto, complessivamente, oltre un chilogrammo di marijuana confezionata in buste di cellophane e barattoli di vetro, 10 piante di marijuana di circa 20 cm di lunghezza in un box di coltivazione e la somma contante di 170 euro, ritenuta provento dell’attività illecita. Dopo le formalità di rito tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro.

I due uomini, portati in caserma, dopo gli accertamenti, su disposizione del Pubblico Ministero Federico Frezza, che ha coordinato l’attività dell’Arma, sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, a disposizione dell’Autorità giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Triestina-Vicenza 0 a 3 | Le pagelle: Squadra "sotto processo", al Rocco è pioggia di fischi

Torna su
TriestePrima è in caricamento