Sparatoria in Questura: il poliziotto ferito sarà dimesso a breve

L'agente, sopravvissuto a quella che poteva essere una strage a mano armata in questura, è stabile e presto potrà tornare all'affetto dei suoi cari. Lo specifica una nota dell'ASUITS che lo descrive in condizioni stabili

Sopravvissuto alla sparatoria di venerdì, l'agente Cristiano Resmini si prepara a tornare a casa. Lo dichiara una nota dell'azienda sanitaria che lo descrive "in condizioni stazionarie", specificando che sarà "dismissibile a breve". Colpito a una mano dal pluriomicida Alejandro Stephan Meran, l'agente Resmini è stato operato d'urgenza la sera della tragedia e nei giorni scorsi ha ricevuto la visita del questore Giuseppe Petronzi, oltre che dei familiari e degli amici.

Sparatoria in Questura, Gabrielli: "Nessuna correlazione tra la fondina difettosa e la morte dei due poliziotti"

Insieme a lui diversi altri colleghi sono sopravvissuti per miracolo ai colpi di pistola esplosi da Meran, che è stato in grado di uccidere due persone a sangue freddo, impossessandosi delle loro armi. Ben due caricatori, quindi, quelli a disposizione del 29enne, che avrebbe potuto verosimilmente perpetrare una strage se non fosse stato atterrato con un colpo all'inguine da un altro agente di Polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento