"Prima o poi ti ucciderò": arrestato per stalking e minacce alla moglie

Nonostante il decreto di allontanamento e la condanna a quasi 3 anni, l'uomo continuava a esercitare comportamenti persecutori e minacce di morte. La Squadra Mobile della Polizia lo ha condotto in carcere alla vigilia della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Foto di repertorio

"Prima o poi ti ucciderò" questa la ripetuta minaccia con cui il 45enne serbo S.A. ha ripetutamente perseguitato l'ex moglie, una condotta persecutoria incurante del decreto con cui il Tribunale dei Minori nel Novembre del 2017 gli aveva imposto l’allontanamento dalla casa familiare con divieto di contattare la ex moglie ei i figli. Inutile anche la sentenza di condanna a due anni e otto mesi di reclusione emessa dal G.U.P. di Trieste per i reati di maltrattamenti in famiglia e violenza nei confronti della donna: i comportamenti insistenti, oppressivi e minatori nei suoi confronti non sono mai cessati.

Le minacce

Infatti, l’uomo non solo aveva continuato a perseguitare la ex moglie, ma aveva iniziato anche a minacciarla di morte, a dirle che se anche fosse andato in carcere prima o poi si sarebbe vendicato e che comunque qualsiasi accusa nei suoi confronti sarebbe decaduta sulla scorta di alcuni asseriti documenti che avrebbero attestato la sua pazzia. Questi continui comportamenti vessatori hanno inevitabilmente creato nella donna un grave stato di ansia e un fondato timore non solo per la propria incolumità ma anche per quella della prole; è stata costretta a cambiare abitudini di vita, numero di telefono e frequentazioni, ma nonostante ciò, l’uomo ha continuato a cercarla e a chiedere presso familiari e conoscenti informazioni su di lei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Volontà di vendetta

La ferma volontà di vendetta lo ha addirittura portato a chiederle, tramite una conoscente, un incontro davanti la chiesa Serbo ortodossa di Piazza San Antonio, presso la quale, per come aveva giurato, prima o poi l’avrebbe uccisa. Per i gravi elementi emersi nel corso dell’attività investigativa, su richiesta del P.M. titolare del fascicolo, il G.I.P. di Trieste ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dell’indagato, il quale, in data 24 novembre, è stato rintracciato dagli investigatori della Squadra Mobile appena giunto a Trieste e ristretto presso la locale casa circondariale a disposizione della procedente A.G. L’immediato intervento, alla vigilia dalla “Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne” che si celebrerà il 25 novembre, ha permesso di porre fine ad una grave e perdurante vicenda di violenza familiare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento