Stalker alla ex: 56enne arrestato dai Carabinieri

L'uomo si era presentato nuovamente davanti all'abitazione della donna chiedendole insistentemente di incontrarla

I Carabinieri della Stazione di San Dorligo della Valle hanno arrestato un 56enne di Staranzano, poiché ritenuto responsabile del reato di atti persecutori commesso nei confronti della sua ex compagna, una cittadina di origine ucraina.

L’uomo, allo scopo di riallacciare con la donna la relazione sentimentale, già da diverso tempo aveva posto in essere una serie di comportamenti insistenti e persecutori nei confronti della ex compagna.
La situazione è precipitata nella mattinata del 20 giugno, allorquando l’uomo si è nuovamente presentato davanti al domicilio della donna chiedendole insistentemente di incontrarla. La stessa, che già da tempo aveva deciso di chiudere la relazione sentimentale, esasperata dalle continue vessazioni e dagli atti persecutori, ha chiamato i Carabinieri per formalizzare la denuncia.

I militari, giunti poco dopo sul posto e ricevuta la denuncia della vittima, hanno fermato e arrestato il 56enne, che ancora sostava davanti all’appartamento, insistendo per incontrare l’ex compagna.
Su disposizione della Procura della Repubblica, l’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propri abitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • La Regione conferma il blocco totale, Fedriga firma una seconda ordinanza

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

Torna su
TriestePrima è in caricamento