Stato-Regioni, Roberti: "170milioni in Fvg grazie a Elettra Sincrotrone"

Intesa su schema decreto che assegna fondi all'iniziativa. L'assessore: "riconoscimento importante per Elettra, che si conferma sia una realtà di interesse nazionale sia uno dei più importanti laboratori per la ricerca dei materiali al mondo"

>Foto di repertorio

"Oggi prende il via un'operazione che porterà in Friuli Venezia Giulia 170 milioni di euro, con ricadute positive non solo per il sistema scientifico e della ricerca, ma per l'intera regione". È questo il commento dell'assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, sull'intesa espressa dalla Conferenza delle Regioni riguardo lo schema di decreto del Ministero dell'Istruzione, università e ricerca (Miur), nell'ambito della conferenza Stato-Regioni.

Progetto Elettra 2.0

Roberti ha spiegato che "il documento sancisce il finanziamento di tre iniziative di rilevanza nazionale, tra cui il Progetto Elettra 2.0, al quale spetta un finanziamento totale di 170 milioni di euro tra il 2017 e il 2023. Si tratta di un riconoscimento importante per Elettra Sincrotrone Trieste, che si conferma sia una realtà di interesse nazionale sia uno dei più importanti laboratori per la ricerca dei materiali al mondo".

Traguardo fondamentale

Per l'assessore "è stato raggiunto un traguardo fondamentale sia per l'ente, che potrà continuare a investire su infrastrutture e personale, sia per tutto il Friuli Venezia Giulia. La ricerca si conferma infatti un importante valore aggiunto per il territorio, capace di fare da volano per l'economia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

  • "Scambio di persona", spunta un'altra versione sull'aggressione a Muggia

  • Lite in via Carducci, intervento della Squadra Volante

  • Dimagrire in fretta, i trucchi per accelerare il metabolismo

  • Segnala il furto di una macchina a Montedoro, ma per il Direttore e la Polizia non v'è traccia

  • Pugno di ferro del Questore, giù la saracinesca del bar Moderno

Torna su
TriestePrima è in caricamento