"Stazioni sicure": 5 indagati in stato di libertà

Sono 92 persone le persone identificate dalla Polizia Ferroviaria nel territorio regionale in un giorno, nella sola Trieste una ventina di operatori ha sottoposto a controllo 3 scali ferroviari, identificando 30 persone

Identificate 92 persone di cui 5 sono state indagate in stato di libertà, elevate anche alcune sanzioni amministrative. Questo il bilancio della seconda giornata dell'Operazione “Stazioni Sicure” nel territorio regionale, nella sola Trieste una ventina di operatori ha sottoposto a controllo 3 scali ferroviari, identificando 30 persone. Non sono state rilevate particolari criticità né elevate sanzioni amministrative, ciò a testimonianza di un elevato grado di sicurezza raggiunto negli scali del capoluogo giuliano grazie al costante lavoro della Polizia Ferroviaria di Trieste. 

L'operazione "Stazioni sicure"

Questi accertamenti straordinari, disposti su tutto il territorio nazionale, hanno lo scopo di rendere ancora più sicura la vita di chi viaggia o frequenta il mondo ferroviario. Il personale del Compartimento della Polizia Ferroviaria per il Friuli Venezia Giulia è stato dunque impegnato in una serie di servizi mirati al fine di migliorare la prevenzione dei crimini ed il controllo della legalità in ambito ferroviario, con particolare riguardo ai convogli, alle stazioni, agli obiettivi sensibili lungo le linee ferroviarie, nonché ai passeggeri ed ai bagagli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le risorse impiegate

Nell’intero territorio regionale sono stati impegnati 70 operatori, i quali, nell’arco dell’intera giornata, hanno controllato 23 scali ferroviari ed ispezionato numerosi bagagli sia depositati, sia al seguito dei viaggiatori. Gli accertamenti, sia in stazione che a bordo treno, hanno visto l’utilizzo mirato dei metal detector manuali e dei nuovi palmari che, consentendo un rapido disbrigo delle procedure di identificazione, permettono un maggior numero di verifiche effettuabili dagli agenti operanti in loco e, al contempo, rendono i controlli medesimi meno gravosi per l’utente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento