Il centrodestra "denuncia" le bandiere con la stella rossa al presidio antifascista

La foto, scattata durante il presidio antifascista nel Giorno del ricordo, è stata diffusa dalla deputata forzista Sandra Savino: "Una bieca e squallida  provocazione". Cecco (Progetto FVG): "Capisco l'ignoranza, non questa in un giorno così"

Foto di Sandra Savino

"Nel Giorno del Ricordo nostalgici di Tito pensano bene di manifestare contro la commemorazione delle vittime delle foibe e dell’esodo. E lo fanno con un presidio in piazza della Borsa a Trieste, sventolando la bandiera della repububblica socialista di Jugoslavia e  il tricolore con la stella rossa. Una bieca e squallida  provocazione che ci sprona e rafforza nel valorizzare ogni anno di più questa dolorosa solennità civile”. Lo scrive su facebook Sandra Savino, deputata e coordinatrice di Forza Italia FVG pubblicando una foto del presidio tenutosi ieri in piazza della Borsa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Giorgio Cecco, membro del coordinamento regionale di Progetto Fvg, "è un'inaccettabile mancanza di rispetto soprattutto verso il dolore degli altri. Non è un problema di parte, politico o di ideali, ma è un voler alimentare odio che fa male a tutti. Capisco l'ignoranza, non questa in un giorno così".

Giorno del ricordo: malumori in Slovenia per il discorso di Mattarella

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Coronavirus in Fvg: rallentano i contagi e i decessi, guarite 102 persone

  • Coronavirus: anche a Trieste arrivano le mascherine, saranno distribuite da lunedì

Torna su
TriestePrima è in caricamento