Strisce pedonali, l'intervento riuscito e l'indignazione "social"

In un post su facebook l'assessore Elisa Lodi scrive che tutto si è risolto. La modifica è stata realizzata immediatamente dopo la segnalazione. Le immagini scattate da Damjan Balbi erano diventate virali

Sbagliano di dipingere le strisce pedonali. Damjan Balbi, fotografo del Primorski Dnevnik, quotidiano sloveno di Trieste, passa casualmente in zona, le nota e scatta una foto; la posta su facebook, viene ripresa da molte testate online, fa il cosiddetto giro dell'internet. Commenti, critiche, domande da tastiera e giudizi tagliati con l'accetta, chi dice "aspettate, vedrete che" e molto altro ancora. 

Il tam tam arriva fino all'assessore competente del Comune di Trieste Elisa Lodi che cerca di tranquillizzare tutti e promette una rapida soluzione. 

Detto fatto, questa mattina le zebre creative non ci sono più e tutti possiamo vivere tranquilli.

  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • le zebre creative erano un grave problema..????...ma la gente non ha altro a cui pensare, pet es i fatti propri?

  • Non avevano sbagliato. C'era un'auto posteggiata in divieto che impediva di completare il lavoro.

    • Appunto

  • Triestin xe Triestin. Semo strani e se sa

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Arrestato boss del narcotraffico a Roma, le indagini partite da Trieste

  • Cronaca

    Mercatone Uno chiude per fallimento

  • Cronaca

    Rissa in via Madonnina, denunciati quattro giovani

  • Cronaca

    Gestaccio al giocatore, il sindaco: "Volevo mettere pressione psicologica"

I più letti della settimana

  • Il Festival della pizza sbarca a Trieste

  • Shock sulla 20, presunta aggressione a ragazza di 17 anni

  • Auto perde il controllo e si cappotta sul Raccordo Autostradale (VIDEO)

  • Macchina si schianta contro un camion in autostrada, morte due persone

  • Rissa in via Madonnina, fermata una persona e 118 sul posto

  • Venti decessi ogni 1000 persone per tumori, Trieste tra le città dove si muore di più

Torna su
TriestePrima è in caricamento