Studenti in corteo: "Finalmente abbiamo riempito le strade" (FOTO)

Qualche centinaio di studenti sulle strade del centro, per protestare contro tagli da 4 miliardi e un'esame di maturità "che cambia in continuazione e si omologa". I ragazzi hanno continuato a marciare nonostante un guasto al furgoncino

“Negli scorsi anni non abbiamo visto grande partecipazione ai cortei, invece questa volta siamo riusciti a svuotare le scuole e a riempire le strade” così si sono espressi gli organizzatori del corteo studentesco partito questa mattina da piazza Goldoni.

#bocciamolamatura

Una manifestazione di respiro nazionale lanciata dagli studenti di Torino contro le modifiche apportate all’Esame di Stato 2019 e contro i tagli all’istruzione. Sbandierando l'hashtag #bocciamolamatura e al grido di “Per la scuola Trieste no mola”, gli studenti hanno dichiarato: “Siamo in piazza contro le istituzioni che ci rubano il futuro e un esame di stato che vuole omologarci, le cui regole cambiano e peggiorano ogni anno. Soprattutto siamo contro chi vuole tagliare al mondo della scuola 4 miliardi dal 2019 al 2021”.

IL VIDEO

L'imprevisto

Il corteo ha percorso via Carducci per poi transitare in via Ghega, via Roma, via Trento, le rive e piazza Verdi, con relativo blocco del traffico. Tragitto non privo di imprevisti: il furgoncino con gli altoparlanti si è guastato in corsa e ha iniziato a emanare fumo e a perdere liquidi, ma questo non ha fermato gli studenti, che per buona parte del percorso hanno spinto il mezzo a braccia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento