Taglio degli alberi in stazione, Lodi: "Ne pianteremo altri 16"

L'Assessore ai Lavori Pubblici: "Era un progetto condiviso anche con le circoscrizioni quindi non c'è nessun caso". Nell'area sorgeranno due corsie per gli autobus e rispettivi capolinea che verranno spostati da piazza Libertà. Due linee rimangono lato Soprintendenza

Gli alberi che ornavano largo Santos e la zona della stazione dei pullman non ci sono più. Il taglio dei platani ha suscitato polemiche e critiche da parte di molte persone che hanno espresso dubbi e contrarietà in merito all'operazione. L'Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Trieste Elisa Lodi è intervenuta sul tema, chiarendo ai cittadini la natura dell'operazione. "Si trattava di un taglio deciso da molto tempo e in maniera condivisa con tutti gli operatori". 

"Verranno piantati 16 nuovi alberi"

La Lodi ha affermato che "l'operazione fa parte del progetto di riqualificazione dell'area e tutte le decisioni erano state prese di concerto anche con le stesse circoscrizioni". Nel progetto del Comune di Trieste ci sarà spazio alla piantumazione di 16 nuovi alberi. "Non sappiamo ancora se saranno platani come prima - ha dichiarato la Lodi - ma certamente verranno piantati altri alberi". 

Le due corsie per gli autobus

In quell'area secondo il progetto del Comune, come affermato dall'Assessore ai Lavori Pubblici, "sorgeranno due corsie per la maggior parte degli autobus i cui capolinea e fermate verranno trasferiti in largo Santos da piazza Libertà. Sul lato della farmacia e Soprintendenza rimarranno due linee il cui spostamento non è previsto". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento