Terremoto in centro Italia: in partenza i volontari della Protezione civile di Trieste

Il vice-sindaco di Trieste Pierpaolo Roberti: «Uomini e mezzi della Protezione Civile in partenza da Trieste verso le aree terremotate»

Una foto aerea di Amatrice all'alba dopo il sisma (foto Vigili del Fuoco)

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6 (cui sono seguite altre di assestamento di magnitudo 5) ha colpito questa notte, attorno alle 3.30, la zona compresa tra il Lazio, le Marche, l’Umbria e l’ Abruzzo, causando alcuni morti e decine di feriti.

L'epicentro della prima scossa si trova nei pressi del comune di Accumoli, andato quasi completamente distrutto dopo il terremoto (così come il comune di Pescara del Tronto) con un bilancio di almeno sei morti. Scene di disperazione e di distruzione, di chi ha perso tutto e sta cercando i propri cari fra le macerie.

Si sono verificati crolli e danni in molti comuni del Lazio, dell’Umbria e delle Marche.

Qualche nostro lettore ha segnalato alla redazione di averlo sentito anche a Lignano.

Il vice-sindaco Pierpaolo Roberti a questo proposito ha fatto sapere che «Uomini e mezzi della Protezione Civile sono in partenza da Trieste verso le aree terremotate. In bocca al lupo e grazie da parte di tutti i triestini».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • Topi, muffa e sporcizia in un bar di via Carducci: sequestrati gli alimenti

  • In carcere 18enne per l'accoltellamento di scala dei Giganti, parte della gang del "Kalashnikov"

  • Gang del "Kalashnikov", la Polizia Locale incastra "Kappa"

  • Incidente sulla curva Faccanoni: un ferito

  • Giovanni Gargiulo è Mister Trieste 2019

Torna su
TriestePrima è in caricamento