Trasporti ridotti del 30%: conducenti a casa e passeggeri stipati

Alla luce del 18 maggio riapertura esercizi commerciali in FVG .Trieste TPL inadeguato a garantire il distanziamento sociale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Con l’entrata in vigore della Fase 2 e con le successive “riaperture” si pone il problema del trasporto pubblico locale. Attualmente il servizio è ridotto del 30%, con linee cittadine che viaggiano con orario festivo con frequenze che variano dai 20 ai 40 minuti (come il caso delle linee 10, 11, 22, 33, 37 e 48), l’indicazione della percentuale del 50% della capienza massima del mezzo come limite trasportabile è sovrastimata. Per le caratteristiche strutturali dei bus urbani raggiungere tale soglia significa avere l’autobus affollato in contrasto con le prescrizioni sanitarie; non sarebbe garantito il distanziamento sociale tanto declamato e funzionale a contrastare la diffusione del virus. C’è già stato in questi giorni un aumento dell’afflusso di passeggeri, è auspicabile quindi la riattivazione del servizio pre-covid per garantire più vetture in strada e una miglior distribuzione numerica (confacente con prescrizioni sanitarie e prudenza) dell’utenza sulle linee. L’esigenza cogente è di avere più mezzi a disposizione e non conducenti a casa in cassa integrazione ponendo come prioritaria l’attenuazione dei contagi per l’interesse generale della comunità Trieste, 13 maggio 2020 Ufficio stampa Segreteria provinciale UGL Autoferrotranvieri Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento