Traduce in italiano per lavoro, cittadinanza negata perché non sa la lingua

La paradossale vicenda ha coinvolto una giovane cittadina croata che a Trieste si è vista respingere la richiesta di diventare cittadina italiana. L'avvocato Gianfranco Carbone: "Diffida nei confronti del Ministero"

È residente da 14 anni in Italia, studia legge, fa la traduttrice dal croato all’italiano presso il Tribunale di Trieste e il Ministero dell’Interno rigetta la sua richiesta di diventare cittadina italiana perché non conoscerebbe la lingua di Dante. Sembra il più classico dei “witz” alla triestina ma non lo è. Il fatto è accaduto ieri 26 febbraio proprio nel capoluogo del Friuli-Venezia Giulia e coinvolge direttamente una giovane cittadina croata appartenente al gruppo italiano.

"Mancanza della conoscenza della lingua"

Secondo alcune indiscrezioni, la Prefettura del capoluogo regionale avrebbe comunicato alla giovane che il diniego rientrerebbe “nella nuova formula standard del Ministero che sta respingendo le domande per mancanza della conoscenza della lingua, previsto dal Decreto Sicurezza”. Tra gli altri elementi a favore della giovane traduttrice, ci sarebbe il completamento degli studi classici a Fiume; il titolo del liceo in questione infatti risulta, secondo l’avvocato Gianfranco Carbone che assiste la giovane, equipollente al titolo di chi consegue la maturità nei licei classici su suolo italiano.

Il Decreto Sicurezza

“Il requisito del possesso di una adeguata conoscenza della lingua italiana” è stato introdotto “dal 4 dicembre 2018”, vale a dire dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del Decreto-legge del 4 ottobre 2018. Il testo riporta le “disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale, immigrazione, sicurezza pubblica”.

Perché la domanda è stata rigettata

Le motivazioni del rigetto ricevuto dalla studentessa croata stanno in questa frase. “La sua domanda è stata rigettata perché manca l’autocertificazione o l’attestazione del requisito di una adeguata conoscenza della lingua italiana”. Nel decreto Sicurezza al Capo III, articolo 14 si legge che “è subordinata al possesso, da parte dell’interessato, di un’adeguata conoscenza della lingua italiana, non inferiore al livello B1 del Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER). I richiedenti, che non abbiano sottoscritto l’accordo di integrazione di cui all’articolo 4 -bis del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, o che non siano titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all’articolo 9 del medesimo testo unico, sono tenuti, all’atto della presentazione dell’istanza, ad attestare il possesso di un titolo di studio rilasciato da un istituto di istruzione pubblico o paritario riconosciuto dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale o dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, ovvero a produrre apposita certificazione rilasciata da un ente certificatore riconosciuto dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale o dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca”.

52690347_416055935832380_4721511884124061696_n-2

Il legale della giovane: "Diffida al Ministero dell'Interno"

L’avvocato Carbone intende vederci chiaro. “Tra le altre cose, essendo cittadina croata è comunitaria, status che fa in modo che possa godere del permesso di soggiorno illimitato”. Carbone infine intende procedere nei confronti del Ministero dell’Interno. “Faremo una diffida alla revoca del provvedimento in autotutela evidenziando le legittimità”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • Se un pilota militare con 10.000 ore di volo su jet non ha la conversione al brevetto civile non può pilotare neanche un ultraleggero... Sono le regole... Tutto il resto , compreso l' articolo, è aria fritta...

    • Se in questo caso un pilota ha la conversione al brevetto civile fatta all'estero, equiparabile a quella italiana, ma rifiutato comunque dall'aeronautica militare italiana, il problema e' del corpo militare, non del pilota.

  • male

  • La cosa piu' ridicola se che I vol mandar a casa una ragazza per bene che se qua da 14 anni e lavora per il Tribunale di Trieste....e invece continuemo a tinir un sacco de m.....de....ma ovviamente su de ela non se guadagna niente!Che schifo che se Trieste

  • Nei rapporti con la P.A. parlano le carte che, a quanto pare, mancano. Ma siccome bisognava dare addosso a Salvini, invece di produrre adeguata documentazione l’interessata si è rivolta all’avvocato.

    • Lei conosce bene la procedura di richiesta di cittadinanza? Si puo' richiedere la riesamina di una richiesta di cittadinanza rigettata senza passare per vie legali? Penso che la cosa interessi molto alla diretta interessata, cosi' potrebbe evitare altre spese legali oltre a quelle gia' dovute.

  • La cosa più curiosa dell'articolo è scoprire che il Tribunale di Trieste si rivolge a una diplomata croata per le traduzioni. Sarebbe interessante sapere cosa ne pensa al riguardo la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori della nostra città.

    • Se e' di etnia italiana, non vedo grosse differenze tra lei e qualsiasi altro diplomato in Italia.

  • Caro giornale Trieste Prima dove stavano le frasi oltraggiose e/o offensive nel mio precedente commento che avete banato? Non capisco quale metodo di valutazione utilizzate.

    • sicuramente avrai detto qualcosa contro i PDioti!!!!

  • qualsiasi domanda si faccia i requisiti sono sempre scritti a chiare lettere... se hai fatto domanda e mancano documenti non è che ti puoi indignare se la tua domanda non è stata accettata.... ridicoli lei e l'avvocato

    • Non mancavano documenti nella richiesta,il titolo del liceo a Fiume dovrebbe essere equivalente ad un titolo di chi consegue la maturità nei licei classici in Italia. Lo Stato non la pensa cosi', adesso bisogna decidere chi ha ragione.

  • Non è neanche difficile !!!!!!!

  • Conoscera' l'italiano sicuramente meglio di Salvini e DiMaio

    • ohhhhh ecco che arriva il paladino della giustizia sul cavallo bianco!!!!! caro "professore" continui così.

      • @Gianni: pero' probabilmente ha ragione. Per tradurre in italiano al tribunale la conoscenza dell'italiano deve essere ottima.

    • Da quel che xè scritto par proprio de no. Al limite faghe scola ti,cussì i la respingi denovo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Maxi operazione contro pedopornografia online

  • Cronaca

    Trasportavano 30 quintali di "bionde", nei guai due contrabbandieri

  • Cronaca

    Rubava dalla cassa: arrestata dipendente del "Pane quotidiano"

  • Cronaca

    Fiamme nella notte, a San Giacomo brucia un appartamento

I più letti della settimana

  • Hollywood arriva a Trieste per tre giorni di riprese

  • Rubava dalla cassa: arrestata dipendente del "Pane quotidiano"

  • Si lancia contro un'auto per simulare un incidente: arrestato per truffa

  • Apre Crops: insalate e zuppe da personalizzare e comporre (FOTO)

  • Maltrattamenti e violenze sui cani, le testimonianze dei residenti

  • Vicenza-Triestina 0 a 2 | Le pagelle: Costantino-Procaccio, uno due micidiale

Torna su
TriestePrima è in caricamento