Tre denunciati nell'operazione "Alto impatto" della Polfer

Un bilancio di 602 persone identificate, 247 bagagli ispezionati. Un'operazione coordinata a livello nazionale dal Ministero dell'Interno

Un bilancio di 602 persone identificate, 247 bagagli ispezionati e 3 cittadini stranieri indagati in stato di libertà: questi i numeri della giornata di controlli effettuati il 29 ottobre scorso dalla Polizia ferroviaria, denominata operazione “Alto Impatto”. Nella stazione di Trieste Centrale è stata effettuata un'operazione straordinaria di controllo a viaggiatori e bagagli, in cui gli Operatori della Polizia Ferroviaria sono stati coadiuvati da quattro unità cinofile messe a disposizione, in una efficace sinergia interforze, dalla Guardia di Finanza di Trieste, che hanno effettuato anche un’attenta perlustrazione all’interno dello scalo ferroviario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Polfer, operazione "Stazioni Sicure": sanzionate 2 persone

L'operazione

L’operazione è stata coordinata a livello nazionale dal Servizio Polizia Ferroviaria del Ministero dell’Interno, per garantire la sicurezza del trasporto ferroviario, in molte stazioni italiane tra cui quella di Trieste. Per rendere più incisive le attività di osservazione è stato realizzato, anche grazie al contributo di RFI-Protezione Aziendale e Trenitalia, un sistema di canalizzazione del flusso dei passeggeri attraverso un unico varco utilizzando transenne e nastri tendiflex. Ciò ha reso minimi i disagi per l’utenza e garantito una maggiore efficacia dei controlli. Tutte le attività di vigilanza e controllo, coordinate dal Centro Operativo Compartimentale della Polizia Ferroviaria di Trieste, sono state ottimizzate grazie all’utilizzo degli smartphone in dotazione, che consentono la verifica e l’analisi in tempo reale dei documenti elettronici, nonché di metal detector portatili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

Torna su
TriestePrima è in caricamento