Trieste antifascista, sabato festa a San Giacomo: «Bello tutto ciò che è antirazzista»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Sabato 2 aprile, in Campo San Giacomo, l'assemblea Trieste Antifascista-Antirazzista promuove una giornata all'insegna della condivisione e della solidarietà.

L'iniziativa si aprirà alle ore 13, con un pranzo sociale aperto ai contributi gastronomici di tutt*, e proseguirà in un pomeriggio animato da discussioni collettive e musica dal vivo, contro-informazione e perfomance teatrali, spazio del dono e dello scambio, attività in piazza e letture per bambini.

Una giornata di quartiere (ma non solo) per stare assieme e riempire gli spazi triestini della cultura e della bellezza di tutto ciò che è antifascista e antirazzista; un laboratorio di strada, capace di praticare logiche alternative a quelle del profitto,dello sfruttamento e della discriminazione. Un momento aperto alle idee e alle persone, per rigettare le "etichette", imposte sulla base dell'appartenenza etnica, nazionale, religiosa, di genere o di orientamento seussuale, ed accogliere - al contrario - il valore della contaminazione fra identità e soggetti diversi.

Porta la tua voce per raccontare esperienze e analisi, una gamella o qualcosa da mangiare per il pranzo, un oggetto che non usi più per lo spazio del dono e dello scambio, una sedia per sederti e riposare. Porta te stesso e qualunque contributo tu voglia.

Per tutta la giornata musica dal vivo con (lista in aggiornamento):
- Jay Rah https://m.facebook.com/Jay-Rah-aka-Tanejua-1565641197016318/

- Jure Brassens https://m.facebook.com/jurebrassens/
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Come funziona l'angolo dello scambio e del dono?

Quante volte le nostre case sono stipate di oggetti di cui davvero non sappiamo che fare? E quante volte non possiamo permetterci quelli che ci servono o che vorremmo? Compriamo, spendiamo, consumiamo, buttiamo...

Noi proviamo a proporre un altro modo: lo spazio dello scambio e del dono, all'insegna della solidarietà e libero dal denaro; partecipate, portando quello che avete dimenticato negli armadi di casa, oggetti, libri, vestiti e quant'altro: se per voi sono cose inutili, potrebbero invece fare la differenza nella vita di qualcun altro!

Ognuno si organizzerà autonomamente il suo “spazio espositivo” e alla fine della giornata si riporterà a casa quello che gli è rimasto di non scambiato o donato.

TRIESTE ANTIFASCISTA-ANTIRAZZISTA

Torna su
TriestePrima è in caricamento