Tentavano di espatriare, arrestati due latitanti in Carso

I Carabinieri della Compagnia di Aurisina e di Basovizza hanno tratto in arresto due persone di origine rumena che stavano tentando di oltrepassare il confine di Stato a ridosso del Carso. Su di loro pendevano condanne per un totale di due anni, quattro mesi e otto giorni. Deferiti in stato di libertà anche due cittadini italiani per truffa aggravata

I Carabinieri della Compagnia di Aurisina, nel corso di specifici servizi di controllo nei pressi dei confini di Stato, finalizzati soprattutto al monitoraggio dei flussi migratori attraverso gli ex valichi confinari, negli ultimi giorni hanno conseguito importanti risultati operativi, con l’arresto di due persone, gravate da provvedimenti di carcerazione ed il deferimento in stato di libertà di altri due soggetti, responsabili della classica “truffa dello specchietto” ai danni di un anziano automobilista.

L'operazione

I militari del Nucleo Radiomobile hanno intercettato S.A., latitante romena 24enne, mentre cercava di espatriare. Dall’immediata verifica è emerso che la ragazza era destinataria di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Milano per una serie di furti, messi a segno tra il 2009 e il 2010, in svariati negozi di lusso del capoluogo lombardo, quando era ancora minorenne. La donna, ultimati gli accertamenti, è stata accompagnata al carcere di Trieste, dove sconterà la pena di un 1 anno e 8 mesi. Un ulteriore positivo risultato l’ha, invece, conseguito una pattuglia della Stazione di Basovizza che, durante un servizio di retrovalico al confine di Fernetti, ha individuato un catturando di origini romene, A.C.E., operaio di 46 anni. L’uomo deve scontare la pena di 1 anno e 4 giorni per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e furto aggravato, commessi a Torino nel 2013.

Due siciliani deferiti per truffa

L’attività delle pattuglie della Compagnia di Aurisina non si ferma al presidio degli ex valichi di frontiera, ma si estende a tutto il territorio di competenza, dall’area carsica ai centri abitati. Proprio nell’abitato di Prosecco, i Carabinieri della locale Stazione hanno identificato e deferito in stato di libertà alla Procura di Trieste, per il reato di truffa aggravata, una coppia di siciliani. I due, rispettivamente di 34 e 21 anni, simulando il danneggiamento dello specchietto loro propria auto, avevano indotto un anziano del posto a risarcirli. Nell’individuazione dei due rei sono stati fondamentali i preziosi dettagli e l’accurata descrizione forniti dalla vittima stessa.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • zingani certo ..ma anche i ianita nn scherza

  • l'operaio ACE mi sa che è quello che ha inventato la omonima bevanda

  • Co xè zingari,una roba sola saria de far... tirarghe in testa.

  • SI ma prima in galera a indrizar banane col cu......l poi a casa

  • Con tanta feccia che arriva clandestinamente, per due che se ne andavano potevano mettergli il tappeto rosso

Notizie di oggi

  • Cronaca

    In arrivo la neve, tutti i punti dove ritirare il sale

  • Cronaca

    L'Hangar Teatri rinasce, presentato il programma

  • Cronaca

    Crisi Principe, la Giunta fa propria la mozione urgente del PD

  • Cronaca

    Bufere di neve e vento a 150 km/h, la spedizione triestina in Patagonia non molla

I più letti della settimana

  • Le cinque pizzerie più amate dai triestini

  • La prima neve sul Carso (FOTO)

  • Investita da un autobus sulle rive: è grave

  • Lo chef Cannavacciuolo a Muggia per "Cucine da incubo"

  • Guida ubriaco e si schianta contro auto dei Carabinieri

  • Violenta una 20enne a Verona, era stato minacciato con una katana a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento