Beccato il giovane che mandò in coma Alessio

La notte del 14 ottobre un 22enne residente fuori regione aggredì il giovane romano. Incastrato dalle telecamere e dalle testimonianze ora deve rispondere di lesioni gravissime e rischia 12 anni di reclusione. "Pizzicato" mentre passeggiava lungo le vie del centro

L’aggressore del giovane ragazzo romano rimasto in coma dopo aver sbattuto la testa la notte della Barcolana è stato rintracciato e denunciato per lesioni gravissime. Si tratta di F.F, un giovane 22enne residente fuori regione con precedenti per stupefacenti e guida in stato di ebbrezza, che rischia fino a 12 anni di reclusione.

L’aggressione

La notte del 14 ottobre, intorno alle 2.30, Alessio aveva appena finito il turno in una nota pizzeria delle rive triestine. Poco dopo, nei pressi di un locale di riva Grumula il giovane di origini romane era stato aggredito con violenza da F.F. Alessio si era unito ad alcuni amici e si era allontanato per acquistare un pacchetto di sigarette in un distributore automatico non lontano.

Secondo la Questura di Trieste, il diverbio sarebbe scattato “verosimilmente a seguito di alcuni apprezzamenti rivolti alla ragazza”. In quel frangente il fidanzato non ci vede più e sferra un pugno. Alessio cade a terra sbattendo la nuca sul bordo del marciapiede. A questo punto Alessio perde i sensi e viene trasportato immediatamente in ospedale in condizioni gravissime.  Il giovane romano rimane ricoverato in coma per molto tempo presso il reparto di terapia intensiva. Dopo essere stato sottoposto a diversi interventi chirurgici, Alessio è stato avviato ad un centro di riabilitazione.

Le indagini

La Procura della Repubblica di Trieste e la Squadra Mobile della Questura hanno avviato un’indagine durata oltre 60 giorni. Le telecamere presenti in zona hanno permesso di ricostruire il percorso di fuga di F.F. Oltre alle registrazioni, gli investigatori hanno ascoltato le testimonianze di alcuni giovani che erano presenti al momento dell’aggressione. Ad aiutare il percorso d’indagine ci ha pensato anche la Polizia Scientifica giunta da Padova al fine di elaborare l’identikit del 22enne responsabile del gesto violento, in virtù delle descrizioni rilasciate dai testimoni presenti sulla scena.

Sferra un pugno e se ne vanno facendo finta di niente, guarda il video

“Beccato” mentre passeggiava in centro

Nel mese di novembre F.F è stato rintracciato mentre camminava lungo le vie del centro di Trieste. Subito dopo la Procura ha disposto una perquisizione che ha consentito di rinvenire alcuni dei vestiti che l’aggressore indossava la notte del 14 ottobre. Immediato il confronto poi con le registrazioni delle telecamere e le testimonianze dei giovani presenti al momento del gesto.

Il giovane ha ammesso di essere l’autore del gesto violento. Dovrà rispondere del reato di lesioni gravissime.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • La triste storia è sempre quella....la gente presente che sta a guardare e non fa nulla, spaventati da un bulletto sfigato, il peggio poi per chi ha visto è di non aver raccontato fregandosene di tutto....che schifo di società

    • Questo sarà il primo e ultimo commento che farò perché non è da me. la storia riportata dai giornalisti non è precisa e comunque incompleta. Ti dico solo che il mio primo istinto vista la scena è stato soccorrere il ragazzo piuttosto che bloccare l agressore. è stato un soccorso utile dato che stava per soffocare con il proprio vomito ed era a rischio la vita stessa. poi sono stati chiamati i soccorsi e fatte le dovute testimonianze. Certo avrei voluto bloccare pure l aggressore ma in quei momenti ti crei delle priorità. Ad ogni modo, poiché le vie della legge sono infinite e tutte le strade portano al tribunale, se avessi fermato l’aggressore mi sarebbe potuta essere fatta denuncia per sequestro di persona con conseguenti tempi biblici di processi. Questo per dirti che non è la solita storia. Ma capisco la rabbia, credimi. Speriamo solo che Alessio si riprenda più forte di prima.

    • Commento veramente inutile e senza senso visto che né io né tu eravamo presenti, ma almeno io evito di scrivere cose se non sono assolutamente certo di quello che scrivo

      • Infatti esatto, se fossi stato presente almeno non lo si sarebbe cercato... Carissimo Andrea, evita commenti sugli altri ma attieniti ai fatti, grazie!!!

  • visto che si sa che la vittima e' un romano italiano si puo'sapere la nazionalita'dell'aggressore?

    • ma anche se saria un negraz, ma cos te ciava! cambia qualcosa?

  • Residente fuori regione? ..... il solito immigrato?

    • si...immigrato pugliese...ahhahaha

    • Se fosse il solito immigrato lo avrebbero scritto dappertutto in caratteri giganteschi

  • 12 anni me par poco per un elemento simile. El triste xe che el sarà fora sai prima e continuerà a far danni.

    • 12 anni in galera sono tanti e sufficienti.

      • assolutamente no. una persona del genere deve uscire e non riconoscere il mondo per quanto è cambiato. ti auguro che a nessuno della TUA famiglia capiti una cosa simile.

      • Sono assolutamente d'accordo con Roberto soprattutto se il povero Alessio Vicchi dovesse uscire dal coma con qualche menomazione fisica o psichica, nessuna pena sarà mai sufficiente ...

  • Benissimo metterlo in cella così la finissi de far mal alla gente, de drogarse e de spacciar visto che gà precedenti per stupefacenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rogo in strada di Fiume 16, a fuoco i sotterranei di un palazzo

  • Cronaca

    Tre profughi trovati in un container nel porto

  • Cronaca

    Violenta una 20enne a Verona, era stato minacciato con una katana a Trieste

  • Cronaca

    Il Superenalotto bacia Monfalcone, vinti 90 mila euro

I più letti della settimana

  • Rapina e sparatoria a Opicina, ladri ancora in fuga

  • Guida ubriaco e si schianta contro auto dei Carabinieri

  • Schianto auto-scooter davanti a piazza Unità: 19enne all’ospedale (FOTO)

  • Schianto sulla Costiera: ferito un ciclista

  • Lieve scossa di terremoto sul Carso

  • Camper incendiato nel nuovo parcheggio sopra "Il Giulia" (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento