Cento anni di Trieste in mostra a Palazzo Gopcevich

La mostra fotografica allestita nella sala A. Selva di Palazzo Gopcevich ripercorre la storia e i cambiamenti di Trieste dalla fine della Grande Guerra

Taglio del nastro oggi nella Sala Attilio Selva di Palazzo Gopcevich per la mostra fotografica “IL SECOLO ITALIANO. 1918-2018: COM'È CAMBIATA LA CITTÀ A CENT'ANNI DALLA FINE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE”, a cura di Andrea Vezzà. Realizzata nell'ambito degli eventi e delle iniziative collegate al Centenario della Grande Guerra - che prevede manifestazioni connesse con la storia e la cultura del territorio, attuate anche sviluppando relazioni con reti e sistemi museali, istituti, associazioni e altri soggetti privati - la mostra su “Il secolo italiano” espone materiale fotografico proveniente da archivi pubblici e privati e dalla Fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte sulle opere che l'Italia ha realizzato a Trieste dal 1918 ai giorni nostri.

«Questa mostra racconta con immagini bellissime un importante periodo di storia e di straordinario cambiamento della città che ha lasciato il segno – ha affermato il Sindaco Roberto Dipiazza -. Una Trieste com'era, com'è stata conservata e costruita che mi riempie di orgoglio, e di cui in parte ai giorni nostri mi fa sentire protagonista con la realizzazione di opere importanti: dalla Grande Viabilità alle Rive, al Salone degli Incanti, all'abbattimento e poi alla ricostruzione della piscina Bruno Bianchi, al progetto Urban fino al Castello di San Giusto che nel 2017 ha raddoppiato i visitatori, da 50mila del 2016 a 100mila, registrando un incremento dei flussi turistici. E grandi sono le prospettive di sviluppo di Trieste per il futuro».

L'Assessore all'Educazione, Scuola, Università e Ricerca Angela Brandi, portando i saluti dell'Assessore alla Cultura Giorgio Rossi, ha parlato dell'importanza di un'esposizione che in 5 sezioni (L'Italia dell'istruzione, delle opere pubbliche, del tempo libero, dello sviluppo e l'Italia della città nuova) attraverso 50 immagini - ma il numero probabilmente aumenterà - ci mostra quanto accaduto durante il centenario italiano e vuole dimostrare quanto l'Italia ha investito in molte opere pubbliche e in termini industriali. Infine, l'assessore Brandi ha rivolto ringraziamenti al curatore Andrea Vezzà, al direttore del Servizio Musei e Biblioteche comunali Laura Carlini Fanfogna e alla responsabile della Fototeca e Biblioteca dei Civici Musei di Storia ed Arte Claudia Colecchia, e a tutti coloro che hanno collaborato attivamente alla realizzazione della mostra, tra cui anche il consigliere Piero Camber.

«Un secolo d'Italia che ha lasciato una visibile eredità non soltanto materiale – ha spiegato il curatore Andrea Vezzà - di cui la città continua a giovare e che conta nel corso degli anni numerosi e generosi interventi avvenuti a sostegno della crescita e del benessere cittadino: da soluzioni abitative, a opere pubbliche, infrastrutture nodali, complessi industriali, edilizia scolastica, impianti sportivi, edifici sacri, spazi di aggregazione sociale e centri di ricerca scientifica. Ma anche un piano di ridefinizione architettonica che ha trasformato il volto del centro urbano e i rioni periferici, concreti testimoni del centenario e dell'impegno profuso nella costruzione del futuro».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento