Tenta la fuga dall'Italia, latitante rumeno finisce in carcere a Trieste

L'episodio riguarda un cittadino di origine rumena che qualche giorno fa è stato fermato dalla Polizia di Frontiera durante un normale controllo del territorio. Era stato condannato dal Tribunale di Milano per furto aggravato

Era stato condannato a Milano per furto aggravato, il 33enne cittadino romeno, residente in Italia, arrestato mercoledì scorso a Fernetti dagli agenti del Settore Polizia di Frontiera di Trieste. M.M.M., queste le sue iniziali, deve scontare la pena di un mese e venti giorni di reclusione e ora si trova nel carcere locale del Coroneo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

I fatti

Il cittadino comunitario è stato identificato mentre tentava di uscire dall'Italia a bordo di un’autovettura con targa italiana. La macchina era stata fermata per un controllo nell’ambito delle attività di polizia predisposte lungo la fascia confinaria italo-slovena per contrastare la criminalità transfrontaliera. Dagli accertamenti sull’identità di M.M.M. è emerso che l’uomo era destinatario, sotto un “ALIAS”, di un ordine di carcerazione emesso nel 2012 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

  • Auto precipita nella scarpata in zona Muggia (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento