"Assenza di riscontri oggettivi su malattia psichica", l'assassino andrà in carcere

Nell'ordinanza firmata dal Giudice per le Indagini Preliminari Massimo Tomassini, Alejandro Stephan Meran è accusato del duplice omicidio e del tentato omicidio di altri otto agenti. Il killer, come riporta Ansa, avrebbe agito con lucidità

E' accusato di duplice omicidio e tentato omicidio di altri otto agenti di Polizia Alejandro Stephan Meran, il 29enne di origini dominicane che venerdì 4 ottobre a Trieste ha ucciso Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, i due giovani agenti in servizio presso la Questura del capoluogo del Friuli Venezia Giulia. La notizia, riportata da Ansa, è legata all'emissione dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere, firmata dal Giudice per le Indagini Preliminari Massimo Tomassini durante la giornata di oggi 6 ottobre. 

Nel decreto di fermo, continua Ansa, è rilevato che nel conflitto a fuoco sviluppatosi all'interno della Questura il giovane dominicano "ha mostrato lucidità portando avanti l'azione aggressiva". Inoltre nell'ordinanza viene rilevata "l'assenza di riscontri oggettivi su una possibile malattia psichica dell'uomo". Insomma, l'omicidio dei due agenti di Polizia non sarebbe conseguenza di un gesto di "follia". 

"I figli delle stelle sono tornati", il toccante video dei due agenti in servizio assieme

La ricostruzione della vicenda 

Le immagini della sparatoria in Questura, sempre secondo Ansa, sono state sequestrate dall'autorità giudiziaria. Sarebbero immagini drammatiche, quelle che hanno ripreso il conflitto a fuoco tra il 29enne dominicano e gli agenti di Polizia, di cui uno rimasto ferito alla mano sinistra e immediatamente operato. Secondo l'AsuiTs, sta bene e le sue condizioni sono stazionarie. Nel pomeriggio di oggi la Questura ha diffuso un video dei due agenti di Polizia, che come sottolineato anche dal dirigente di Polizia il Commissario Capo Stefano Veronese, "erano legatissimi, erano veramente molto amici". 

In 7000 a salutare Pierluigi e Matteo, le lacrime di una città intera

Alejandro Stephan Meran è attualmente piantonato in ospedale a Cattinara. Andrà in carcere non appena le condizioni di salute miglioreranno - è stato ferito all'inguine durante lo scontro a fuoco e per questo trasportato presso la struttura ospedaliera di Trieste. Secondo il Questore Giuseppe Petronzi che ieri aveva riferito esserci una distanza tra alcuni audio Whatsapp usciti dalla Questura e gli elementi della vicenda a sua conoscenza, il bilancio sarebbe potuto essere ben più tragico. 

"Il rischio di una strage"

Il rischio di una strage infatti è stato concreto. All'interno della Questura in quel momento c'erano solamente poliziotti. Il venerdì pomeriggio nessun ufficio è aperto al pubblico, contrariamente a quanto accade invece il lunedì e il giovedì quando l'Uffico Immigrazione Soggiorni e Visti e quello Passaporti rimangono aperti  per un orario che, complessivamente, va dalle 14.30 alle 17.30. Immaginare cosa sarebbe potuto accadere nel caso la sparatoria si fosse verificata nell'atrio della Questura il giorno prima, mette ancora di più i brividi.  


   

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

  • Le salme di Matteo e Pierluigi arrivate in Questura, allestita la camera ardente

  • Come arredare un monolocale sfruttando gli spazi in maniera ottimale

  • Investimento sulle strisce in viale Miramare: grave una donna

Torna su
TriestePrima è in caricamento