Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

Il medico dell'automedica intervenuta sul luogo del sinistro è stato aggredito mentre stava cercando di soccorrere lo scooterista ferito

 E' successo oggi, 10 novembre, in via Udine, dove alle 14 si è verificato un incidente che ha visto coinvolti un'auto e uno scooter. Il medico dell'automedica intervenuta sul luogo del sinistro, stava soccorredo lo scooterista ferito quando, all'improvviso, due persone che si trovavano nelle vicinanze hanno cominciato ad insultarlo e minacciarlo di morte.

Immediato l'intervento e la reazione dell'autista che si è posizionato davanti al medico per proteggerlo in modo da permettergli di concludere il suo lavoro. Dopo essere riuscito a tenerli sufficientemente lontani, l'autista ha contattato le forze dell'ordine, ma in quel frangente i due aggressori sono stati raggiunti da altri individui. Fortunatamente, poco dopo, sono intervenuti la vigilanza del Consolato di Romania e la Polizia.

Ancora non è chiaro per quale motivo sia scaturita l'aggressione verbale.

La testimonianza

"Uno di loro sembrava avere un accento meridionale, mentre l'altro era dell'Est. Urlavano per lo più "razzisti di me**a". Forse erano ubriachi, ma non ne sono sicuro. Quando sono arrivati anche gli altri individui, nell'aria c'era molta tensione" ha dichiarato un testimone. "Si conoscevano tra loro. Forse sono arrivati dal dormitorio di via Gozzi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

Torna su
TriestePrima è in caricamento