Pronto Soccorso Cattinara, Modica (Ugl): «Riforma sanitaria inutile con i Cap inattivi»

Il segretario del sindacato Ugl Sanità del Friuli Venezia Giulia, Matteo Modica, su riforma sanitaria regionale

Foto di repertorio

«Senza l'attivazione dei Cap, necessari per fronteggiare gli accessi impropri, la riforma sanitaria è inutile. Anzi, a Trieste sono stati tagliati i posti letto ed il Pronto Soccorso è praticamente in ginocchio». A dirlo è Matteo Modica, Segretario Regionale Ugl Sanità, che aggiunge: «È da un anno a questa parte che avevamo denunciato, pubblicamente, le gravi criticità del pronto soccorso triestino e criticato la riforma».

«Gli stessi operatori - prosegue il sindacalista - sono allo stremo. Da soli stanno sostenendo il peso delle inefficienze volute dalla riforma sanitaria che non ha ancora attivato i tanto osannati Cap. Ad essi va il merito di garantire il servizio in questa situazione particolarmente gravosa. Ed i pazienti fuori reparto continuano ad aumentare, sfiorando le 90 unità, secondo fonti interne».

«Quando la Regione - conclude Modica - penserà di dotare le Aziende Ospedaliere e Sanitarie di maggiori tutele e garanzie per il proprio personale dipendente impegnato in compiti di prima linea?»
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti