Università di Trieste in Kurdistan per dare un futuro agli Yazidi

Il Kurdistan iracheno ospita 100mila tra rifugiati e sfollati. La missione si concentra sul lavoro con i bambini con un contributo innovativo all'emergenza della "generazione perduta", ed è attualmente in corso nella capitale Erbil

È in corso ad Erbil, capitale del Kurdistan iracheno, la missione del progetto "Diamo un futuro agli Yazidi!", con Università di Trieste, Dipartimento Scienze della Vita, Unità di Psicologia come attuatore di una iniziativa della Regione Fvg. Come dichiara Ansa, si tratta di un progetto pluriennale per rispondere alle migliaia di sfollati e rifugiati vittime delle guerre dell'area, tra cui donne e bambini yazidi.

La missione si concentra sul lavoro con i bambini con un contributo innovativo all'emergenza della "generazione perduta". Il Kurdistan iracheno ospita 100mila tra rifugiati e sfollati, e "Diamo un futuro agli Yazidi!" è attivo alla periferia di Erbil e dove si trovano i maggiori campi sfollati, come quello di Khanke, dove operano i professionisti triestini. Dal febbraio 2017, il progetto ha costruito una rete di rapporti con le associazioni locali yazide e punta anche alla formazione degli operatori locali e sulla ricerca scientifica e sviluppare infine una formazione di "Play Terapy".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Donna investita tra via Carducci e passo Pecorari (FOTO)

  • Cronaca

    Addio a Don Giuseppe Markuža, parroco di Sgonico

  • Cronaca

    Morde un dito e sputa in faccia alla guardia giurata: denunciato

  • Cronaca

    Danneggia un cippo di pietra e scappa: la Polizia Locale lo rintraccia

I più letti della settimana

  • Scomparso in val Rosandra, ritrovato il corpo senza vita

  • "Pensione lager" per cani: Trieste su Striscia la Notizia

  • Distrutti in porto 2500 ricambi Hyunday e Kia

  • Film Hollywoodiano a Trieste: tutti i provvedimenti di viabilità

  • Esplosione in via San Marco, persona all'ospedale

  • "Voglio assumere ma nessuno è disposto a lavorare", lo sfogo di un'imprenditrice

Torna su
TriestePrima è in caricamento