Urla al citofono e sfonda il portone in via Settefontane: denunciato 40enne

E'accaduto in pieno pomeriggio. L'uomo era già noto alle forze dell'ordine. Sul posto una volante della Polizia di Stato, che, con fatica, ha riportato la situazione alla calma. La denuncia è scattata per resistenza a pubblico ufficiale

Foto di repertorio: Aiello

Urla al citofono come impazzito e quando arriva la Polizia sfonda il portone, il tutto in pieno pomeriggio. È successo in via Settefontane nella giornata di ieri, lunedì 11 novembre: la Polizia di Stato ha denunciato per resistenza a pubblico ufficiale un uomo, R.H., nato nel 1979 a Portogruaro e residente in città. Già noto alle forze dell’ordine, l'uomo gridava a squarciagola e suonava al citofono, finché qualcuno ha segnalato il fatto alla sala operativa della Questura tramite il 112 e sul posto è stata inviata una Volante. Alla vista degli operatori l’uomo, in evidente stato di agitazione, ha aperto con una spallata il portone ed è entrato nello stabile. A fatica è stato riportato alla calma. È stato quindi accompagnato in Questura e, dopo le formalità di rito, è stato denunciato.

Donne ubriache danneggiano i tergicristalli delle auto in via Settefontane

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

Torna su
TriestePrima è in caricamento