Vandali a Opicina: "esplodono" i vetri del bus dopo il lancio di pigne (FOTO)

L'episodio sabato sera lungo via dei Papaveri: non è il primo di questo tipo. Indagano i Carabinieri

foto di un lettore

Ancora episodi di vandalismo - che spesso sfociano in veri atti criminali come questo - a Opicina. Vittima di un gruppo di ragazzi che hanno pensato di divertirsi nel modo sbagliato, la vettura della Trieste Trasporti, linea 4, che sabato sera, intorno alle 22.30, percorreva via dei Papaveri. 

Fortunatamente a quell'ora non c'erano passeggeri sul mezzo anche perchè i danni sarebbero potuti essere ingenti: infatti due grosse pigne sono state lanciate contro i vetri che sono letteralmente "esplosi" in seguito all'impatto. Il conducente ha subito fermato il bus, ma i ragazzi si sono immediatamente dati alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

Non si tratta del primo caso di lancio di oggetti contro i veicoli in corsa, privati o pubblici: sul posto sono intervenuti i Carabinieri che hanno dato via alle indagini per risalire all'identità degli ignoti. 

23set17. pigne autobus trieste trasporti opicina-5

23set17. pigne autobus trieste trasporti opicina-4

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

23set17. pigne autobus trieste trasporti opicina-3

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trieste usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento