Via Torino: raddoppiati i cestini, ora a prova di graffiti e "movida"

Non solo per la necessità di aumentare la capienza disponibile in via Torino, ma per salvaguardare il decoro urbano con un design anti-graffiti

La capienza per i cestini di via Torino Sono stati sostituti e raddoppiati, questa mattina, i cestini portarifiuti presenti in via Torino, via nota per la movida triestina. Da 2 contenitori si è passati a 4, ma non si tratta solo di quantità, infatti i nuovi contenitori risultano qualitativamente migliori rispetto ai precedenti, rispondendo al meglio alle necessità che via Torino ha sviluppato negli ultimi anni, dato l’importante afflusso di persone nelle ore serali.

Uno dei fattori più importanti dei nuovi contenitori, riguarda la loro maggiore capienza: i precedenti infatti, della capienza di soli 80 lt ciascuno, offrivano ai passanti solo 160 lt di spazio per i rifiuti urbani. Ora grazie ai quattro nuovi contenitori questa capienza è salita a 400 lt, il tutto in una strada come via Torino, lunga meno di 150 metri. Un design anti-graffiti Le caratteristiche dei nuovi contenitori nascono non solo dalla necessità di aumentare la capienza disponibile in via Torino, ma rispondono anche a problematiche di manutenzione del decoro urbano.

I cestini sostituiti, infatti erano maggiormente apprezzati dai grafomani per le loro superfici piane sufficientemente ampie per stimolarne la voglia di lasciare il proprio segno indelebile, contribuendo a deturpare il volto della città. I nuovi cestini, invece, possono rappresentare un valido deterrente per il fenomeno, essendo dotati di un design poco allettante per i grafomani imbrattatori. Niente più mozziconi al suolo Nel segno del rispetto per la salute e il decoro del territorio, i nuovi cestini sono tutti dotati di posacenere.

Quest’ultimo essendo agganciato al contenitore e non direttamente collegato all’interno del cestino, evita che per errore i mozziconi ancora accesi possano per errore cadere all’interno, incendiandone il contenuto. Un invito esplicito, quindi, a non gettare a terra i mozziconi, abitudine assai dannosa che comporta conseguenze negative per la pulizia delle strade e delle fognature, poiché molto spesso i mozziconi finiscono per intasare caditoie e tombini, oltre ad essere particolarmente inquinanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre a costituire un elegante elemento di arredo urbano adatto a inserirsi armoniosamente in un contesto come quello di via Torino, i nuovi cestini sono più leggeri e maneggevoli per gli svuotamenti. Nonostante questa loro caratteristica, i contenitori rispondono comunque alle normative locali e sono quindi dotati di una base in cemento che li tiene pesantemente ancorati al suolo per opporsi alle raffiche di Bora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

  • Coronavirus: arriva la mappa dei contagi in FVG, interattiva e suddivisa per comuni

  • Coronavirus in Fvg: rallentano i contagi e i decessi, guarite 102 persone

  • Coronavirus: anche a Trieste arrivano le mascherine, saranno distribuite da lunedì

Torna su
TriestePrima è in caricamento