"E' una cagata pazzesca", volantino su Red Land fuori dal cinema

L'episodio si è verificato questa mattina di fronte all'Ambasciatori in viale XX settembre. L'assessore alla Scuola, Angela Brandi: "Una vergogna". La preside dell'istituto dove insegna la persona in questione: "Iniziativa da libero cittadino, la scuola non è coinvolta in alcun modo"

“Il film che state per vedere è una cagata pazzesca”. Il richiamo all’atto rivoluzionario del ragionier Ugo Fantozzi, nella celebre scena del cineforum in cui viene proiettato “La corazzata Potemkin”, è apparso questa mattina su un volantino distribuito da un cittadino residente a Trieste, fuori dal cinema Ambasciatori.

Il volantino

Sul volantino si legge anche un QR code – un codice che, se scannerizzato con un’applicazione per cellulari, rimanda direttamente ad un sito predefinito. Il “link”, secondo fonti vicine al sindaco di Trieste, sarebbe a Wu Ming Foundation, collettivo che da anni tratta, tra le altre tematiche, l’argomento del confine orientale d’Italia attraverso pubblicazioni, conferenze e incontri pubblici.

La segnalazione di Redivo

Su Facebook, il primo a segnalare l’episodio è stato lo storico Diego Redivo, presente alla proiezione. “Di fronte a questa sempre palese mancanza di rispetto e di continua tentata prevaricazione che non riguarda solo l'ambito culturale ma l'essenza stessa del nostro vivere civile ed essere comunità, la battaglia durerà finché avrò fiato” scrive così Redivo. “Adottando anche l'unica cosa buona prodotta dal '68: ovvero lo slogan irridente "una risata vi seppellirà".

"Una vergogna", le parole della Brandi

L’assessore all’Educazione del Comune di Trieste, Angela Brandi, anch’essa presente alla proiezione, ha commentato così: “Il richiamo alla cagata pazzesca è riprovevole e ho intenzione di fare una bella denuncia, visto che il volantino non è firmato”. Secondo la Brandi “è una vergogna che vengano usate frasi come questa nei confronti di un film che racconta la storia della Cossetto, quantomeno per rispetto della storia che viene raccontata.  

L’assessore all’Educazione ha concluso affermando che “tutti sono aperti alle critiche e una riflessione sul tema viene fatta da tutti. Queste però sono frasi offensive che scadono nel ridicolo”. 

"La storia vera della Cossetto è una tragedia"

Il presunto autore del volantino, docente in un istituto superiore di Trieste che non è in alcun modo coinvolto nell'iniziativa, contattato da TriestePrima ha dichiarato: “Mi sembra evidente che la frase del volantino sia riferita solo ed esclusivamente al film Red Land e non alla storia vera di Norma Cossetto che rappresenta una tragedia. Il richiamo alla Potemkin è satirico e nulla più”.

La Dirigente scolastica dell'Istituto, la dottoressa Donatella Bigotti ha affermato che "l'iniziativa è stata fatta come privato cittadino e non durante l'orario di servizio, quindi la scuola non è in alcun modo coinvolta. Personalmente dico che la scuola deve dare strumenti ai ragazzi affinché si facciano loro un'opinione. E' sbagliato quando indirizziamo in un senso o nell'altro a priori. Dobbiamo aiutare gli studenti - ha concluso la preside - ad essere critici nei confronti di tutto ciò che sta attorno a loro". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • E chi lo dice che non ha usato stampante e fotocopiatrice della scuola? Nel caso ci sarebbero gli estremi di denuncia per danno erariale...

  • Ignorante e vile come persona e tanto più lo come insegnante....peccato non abbiate messo il nome....

  • I genitori hanno tutto il tutto il DIRITTO di sapere il nome e cognome di questo/a vergognoso/a pseudo insegnante. Questo per poter decidere di affidare i propri figli a dei veri insegnanti,e non a degli imbecilli senza arte ne parte. Si spera che almeno l'assessore angela brandi, sappia (almeno lei) fare il suo mestiere come si deve, allontanando dalla cattedra una deficienza del genere. Altrimenti cambi mestiere e si vergogni come una ladra.

  • "l'iniziativa è stata fatta come privato cittadino e non durante l'orario di servizio, quindi la scuola non è in alcun modo coinvolta" Peccanto che il codice di Comportamento dei Dipendenti PA imponga condotte adeguate ANCHE al di fuori dell'orario di lavoro, e, in caso di violazione, OBBLIGA l'Amministrazione di appartenenza ad interventi DISCIPLINARI consoni.

  • Per mi nol dovessi più insegnar, se mio fio andassi in classe sua no saria contento

  • Fora el nome e la scola

  • Nome e cognome del coraggioso comunista ? Nessuna paura ma solo giusta esposizione al pubblico ludibrio.

  • Cattivi maestri, come ai tempi delle BR.

  • Il comunismo si è putrefatto come il microcefalo di questo "docente". Speriamo sanzioni adeguate, non si può minimizzare su un fatto del genere. Non si tratta di libera opinione.

  • Comunque Fantozzi si è dimostrato un UOMO a dispetto di questo ignorante in cattedra...

  • Vogliamo il nome e cognome di codesto/a fenomeno/a!

  • Patetico

  • La domanda è semplice: è ammissibile che o nostri figli siano affidati a insegnanti siffatti?

    • Più che insegnanti direi ignoranti che non si rendono conto delle funzioni che sono stati messi a svolgere... .

      • Non e' ignoranza bensi' invidia nei confronti delle persone normali. Essere komunisti e' gia' una disgrazia visto che per tutta la vita sono consapevoli di aver optato per un fallimento storico e ideologico.

Notizie di oggi

  • Politica

    Unione Istriani su 25 Aprile: "Inaccettabile il discorso del sindaco Klun"

  • Incidenti stradali

    Ubriaca alla guida danneggia un palo della luce: denunciata

  • Cronaca

    25 aprile in Risiera, 300 persone dentro e 1500 in corteo

  • Cronaca

    Furto auto e bici: ritrovate in buono stato dalla Polizia

I più letti della settimana

  • I tagli di capelli più trendy del 2019

  • Costa Crociere offre 48 posti di lavoro: ancora 3 giorni per candidarsi

  • Grave incidente in A23: due morti in un tamponamento a catena

  • Il nuovo digitale terrestre e il Bonus Tv 2019

  • Disattivazione utenze, come cessare la fornitura di gas, luce e telefono

  • Quale lavatrice acquistare? Ecco tutte le informazioni

Torna su
TriestePrima è in caricamento