Duino al lavoro per la Bandiera Lilla, il riconoscimento sull'accesso per i disabili

La Bandiera Lilla significa tante cose, prima fra tutte accessibilità. Un progetto nato per favorire il turismo per persone disabili e che premia i Comuni italiani che si dedicano a questo settore, affinché cresca ed offra quanti più servizi possibili. Il progetto “Bandiera Lilla” è nato nel 2012

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Un tavolo positivo, propositivo e di confronto indetto dalla Consigliera delegata al Welfare Annalisa D’Errico accompagnata dall’Assessore al Turismo Massimo Romita, su indicazione programmatica del Sindaco Daniela Pallotta, con il locale comitato disabili guidati da Gianfranco Melillo e di tutto il consiglio direttivo per analizzare il percorso che potrebbe portare il Comune di Duino Aurisina ad ottenere la Bandiera Lilla per il turismo accessibile.

Cos'è la Bandiera Lilla

La Bandiera Lilla significa tante cose, prima fra tutte accessibilità. Un progetto nato per favorire il turismo per persone disabili e che premia i Comuni italiani che si dedicano a questo settore, affinché cresca ed offra quanti più servizi possibili. Il progetto “Bandiera Lilla” è nato nel 2012 con l’obiettivo di favorire il turismo da parte di persone con disabilità, premiando e supportando quei Comuni - e presto anche gli operatori privati - che, con lungimiranza, prestano una particolare attenzione a questo target turistico. Il progetto è stato accolto con grande interesse da Regione Liguria che ha visto in esso uno strumento in grado di coniugare il sostegno e la promozione sociale con il marketing turistico operando sia una funzione sociale sia di rilancio dell’economia e, per questo, lo ha sostenuto seguendone da vicino la prima fase di sperimentazione.

I dettagli

La Bandiera Lilla è diverse cose, tra cui una attestazione di particolare attenzione e sensibilità da parte dei Comuni (e in futuro degli operatori privati) verso il Turismo disabile con l'accento su disabilità motoria, visiva, auditiva e patologie e intolleranze alimentari; una spinta a migliorare l'esistente fornendo anche informazioni e supporto, una rete di lavoro comunale o intercomunale a favore dell'accessibilità turistica che va a vantaggio anche dei disabili e non disabili residenti sul territorio, un supporto ai Comuni che vogliono ottenere il riconoscimento attraverso l'indicazione di iniziative realizzabili e di modalità di accesso a fondi di finanziamento pubblico nazionale ed europeo. Inoltre rappresenta un costante sostegno alla promozione dei servizi offerti dai Comuni e dalle Attività valutate positivamente attraverso una capillare diffusione delle informazioni sui canali preferenziali dei potenziali utenti, un supporto per favorire l'incrocio tra la domanda di turismo accessibile o inclusivo e l'offerta dei nostri Comuni e delle strutture ricettive del loro territorio. 

Una scelta di marketing precisa

Inoltre per gli operatori privati che chiederanno di aderire e di essere valutati, la Bandiera Lilla si presenta come una scelta di marketing ben precisa rivolta a un mercato che, solo per la disabilità motoria, supera tra Europa e Stati Uniti, i 30 milioni di potenziali utenti. In ultimo, ma non certo per importanza, la Bandiera Lilla vuole essere un contributo concreto per sfatare alcuni luoghi comuni tanto radicati quanto errati riguardanti il mondo della disabilità. Forse troppe volte diamo tutto per scontato – hanno voluto sottolineare gli amministratori D’Errico e Romita, - ma crediamo sia doveroso oggi, (al di là delle leggi) operare a 360° per il bene di tutta la comunità e degli utenti. Crediamo, attraverso il lavoro quotidiano di concerto con gli uffici pubblici ma anche con il mondo imprenditoriale privato, che la sensibilità verso tale utenza deve essere costante e continuativa. Questa nuova sfida che abbiamo voluto cogliere con il Comitato Disabili di Duino Aurisina e con il Cip Comitato Paraolimpico rappresentato da Fabio Coretti (per quanto attiene gli eventi) è senza ombra di dubbio una sfida di civiltà. Con l’Assessore ai Lavori Pubblici Lorenzo Pipan e il responsabile Marco Cartagine vi è un costante confronto sui nuovi progetti in via di realizzazione, viari, stradali, di riqualificazione di Piazze ed edifici. Un percorso impegnativo - ha concluso il Sindaco Daniela Pallotta - ma che con costanza e concretezza vogliamo portarlo avanti sino alla fine. Un percorso che deve essere prioritario quando andiamo a riqualificare le nostre Piazze, i nostri edifici, ma anche quando, quotidianamente, svolgiamo delle azioni per la comunità.

Torna su
TriestePrima è in caricamento