FVG in Europa, fanalino di coda nella formazione dei lavoratori

Il Friuli Venezia Giulia totalizza un buon punteggio su scala nazionale ma ancora lontano dagli standard europei, distanti anche Austria e Slovenia. I tagli in arrivo con la legge di stabilità approvata alcuni mesi fa rischiano di aggravare la situazione

C’è ampia possibilità di miglioramento per i lavoratori del Friuli Venezia Giulia. Dai recenti dati Eurostat è emerso che solo il 6,6% degli occupati tra i 25 e i 64 anni prende parte a corsi formativi e attività di istruzione. Con questo punteggio, la regione si colloca tra i primi posti su scala nazionale subito dietro a Trentino Alto Adige, Umbria, Lombardia, Emilia Romagna e Marche.

Il punteggio però diventa estremamente basso se paragonato alle medie di diversi Paesi dell’Unione Europea come la Danimarca (32%) o la Svezia (27,1%). Superiori anche Austria (14,6%) e Slovenia (13,8) con valori più contenuti ma distanti da quel 6,6% del Friuli Venezia Giulia.

Emblematico il tasso di adesione negli ultimi dieci anni. Mentre si è assistito ad un aumento del 1,1% su territorio europeo e del 3,6% per i Paesi appartenenti all’Eurozona, in controtendenza, l’Italia ha registrato un calo di 0,4 punti percentuali. Il Nord-Est è regredito del 0,5% e, in particolare nella nostra regione, il calo è del 1,8%, abbassando il tasso al 6,6% dal punteggio di 8,4% registrato nel 2004.

Interessante l’aspetto di genere: i dati Eurostat indicano che la percentuale di lavoratrici tra i 24 e i 64 anni che seguono corsi di formazione è superiore a quella dei colleghi di sesso maschile. In questo ambito il Nord Est si colloca in prima posizione con 8,0%, segue il Nord Ovest con il 7,7% e infine Centro e Sud. Il Friuli Venezia Giulia conquista un 7,8%, in linea col risultato del Nord Est.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tuttavia la colpa della perdita di punti percentuali a livello europeo non è imputabile solo ai lavoratori. L’Ires Fvg rende noto che i fondi destinati alle attività formative per gli occupati continuano a essere tagliati di anno in anno. Per il 2015 l’INPS dovrà versare nelle casse dello Stato 20 milioni di euro mentre la somma salirà a 120 milioni dal 2016 in poi. Ne conseguiranno tagli per i fondi interprofessionali che colpiranno circa 850mila imprese e che metteranno a rischio la formazione di circa 9 milioni di lavoratori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento