Cinema Ariston, gratis il meglio della Mostra del Cinema di Venezia: mercoledì il via

Alle 21.00 inizierà, inoltre, la proiezione di "Singing in Graveyards" (Malesia-Filippine, 2016, 143') di Bradley Liew

A pochi giorni dalla chiusura della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, prende il via l’edizione 2016 de “Le Giornate della Mostra del Cinema di Venezia. I Film della Settimana della Critica”, iniziativa realizzata dalla Fice Tre Venezie con il contributo e il patrocinio della Direzione Generale Cinema – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione del Veneto, delle Province autonome di Trento e Bolzano Alto Adige della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia.

Da lunedì 26 settembre a mercoledì 19 ottobre, gli appassionati cinefili del Veneto, delle Province autonome di Trento e Bolzano Alto Adige e, per la prima volta, della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, potranno assistere gratuitamente, nei cinema aderenti alla FICE, alla proiezione di opere provenienti dalla 31.ma Settimana Internazionale della Critica, la più originale tra le sezioni della Mostra del Cinema di Venezia.

Il primo appuntamento della Rassegna “Le Giornate della Mostra del Cinema di Venezia. I Film della Settimana della Critica” nella Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, si terrà, mercoledì 28 settembre al Cinema Ariston di Trieste, che per l’occasione vedrà ospiti in sala Edoardo Ferraro regista del cortometraggio “Colazione sull’erba” (Italia, 2016, 14’) e il critico cinematografico Beatrice Fiorentino.

A partire dalle 19.00 inizierà la proiezione di “SIC@SIC cortometraggi italiani”, brevi lavori provenienti dalla sezione “SIC@SIC – Short Italian Cinema” della Settimana Internazionale della Critica. Sono opere di autrici e autori giovanissimi, in grado di muoversi lungo tutto lo spettro espressivo del cinema contemporaneo. Un panorama di possibilità entusiasmanti le cui uniche regole sono il talento e la creatività. “Colazione sull’erba” (Italia, 2016, 14’) di Ferraro vede protagonista una famiglia di contadini marchigiani costretta a barricarsi in casa a causa di un rave che si sta svolgendo nelle vicinanze. Questo tuttavia impedisce al loro figlioletto di scappare e di seguire tre giovani ravers diretti alla festa e in cerca di un amico disperso. Dalla sezione cortometraggi verranno inoltre proiettati: “Alice” (Italia, 2016, 14’) di Chiara Leonardi. Chiara ha solo 7 anni quando comincia a filmare la sua famiglia. E ne ha 12 quando decide di smettere. Quello è l’anno in cui la sorella maggiore, Francesca, si ammala. È allora che l’immagine della “famiglia perfetta” comincia a spezzarsi, a disintegrarsi. “Dodici pagine” (Italia, 2016, 13’) di Riccardo Caruso, Roberto Tenace, Luigi Lombardi e Elisabetta Falanga. Tutto accade in un luogo circoscritto: un teatro posizionato su un quadrato di terra invernale. Lo spazio del racconto rappresenta la memoria di Pinuccia: un flusso d'immagini continuo, dove gli spazi variano nel tempo dell'immaginazione mentale. Buchi scavati nella terra che si sostituiscono a stanze, trasformazioni improbabili, ruoli e personaggi mutevoli. In questa terra d'immaginazione s'inciampa facilmente, perdendosi come Pinuccia in un flusso che ha poco di concreto o logico. “Era ieri” (Italia, 2016, 15’) di Valentina Pedicini. Giò è una ragazza di 13 anni che vive nel sud Italia. È a capo di una banda di ragazzi ed è segretamente innamorata della giovane Paola. È pronta a competere con i rivali maschi pur di conquistare il suo cuore. Poi, l’ultimo giorno d’estate, l’innocenza volge al termine. “Notturno” (Italia, 2016, 15’) di Fatima Bianchi. Un gruppo di donne cieche parla e si racconta, facendo riaffiorare il proprio modo di vedere attraverso la memoria sensoriale, il canto e il sogno: un paesaggio immaginario ai limiti dell’oscurità ricostruito attraverso le loro voci.  “Vanilla” (Italia, 2016, 13’) di Rossella Inglese. Denise è un’adolescente strappata dalle braccia del padre, con il quale ha una relazione sessuale consenziente. La ragazza viene trasferita in una comunità alloggio, affidata a persone che vogliono darle una protezione della quale lei non sente il bisogno. Si chiude in se stessa, consapevole di non poter essere compresa dagli altri.

Alle 21.00 inizierà, inoltre, la proiezione di “Singing in Graveyards” (Malesia-Filippine, 2016, 143’) di Bradley Liew, riflessione beckettiana sul doppio e la memoria, sulla persistenza del corpo e le pulsioni insurrezionali del rock'n'roll. Pepe, imitatore sessantottenne di una leggenda del rock filippino, vive solo ai confini fra realtà, immaginazione e misticismo. Un giorno gli viene finalmente data l’opportunità di aprire un concerto del suo idolo, ma dovrà fare qualcosa che nessuno dei due ha mai fatto prima – scrivere una canzone d’amore. Attori protagonisti del film sono Pepe Smith, leggenda del rock "pinoy" e il maestro Lav Diaz.

Tutti i film stranieri sono proiettati in lingua originale sottotitolati in Italiano.

Tutte le proiezioni sono ad ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti

L’elenco completo delle proiezioni è disponibile al link:
legiornatedellamostra.agistriveneto.it

LA RASSEGNA

Sono complessivamente quattordici le sale coinvolte nel Veneto, nelle Province autonome di Trento e Bolzano Alto Adige e, per la prima volta, nella Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, che sono state coinvolte nell’edizione 2016 de “Le Giornate della Mostra del Cinema di Venezia. I Film della Settimana della Critica”.  

«Il progetto, partito dal Veneto 12 anni fa – racconta Cristiano Corazzari, Assessore alla cultura della Regione del Veneto e Coordinatore della Conferenza Permanente Assessori Cultura Triveneto e Alto Adigesi è allargato ai territori limitrofi anno dopo anno. E quest’anno, grazie alla costituzione della Conferenza Permanente degli Assessori alla Cultura del Triveneto e Alto Adige, il progetto ha potuto raggiungere la piena maturità. Questo ha consentito, altresì, di poter richiedere l’intervento diretto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT): intervento confermato con convinzione per l’alto profilo culturale dell’iniziativa e per la sua capacità di mettere in rete gli Enti territoriali coinvolti. La soddisfazione di un lavoro congiunto e condiviso che vede gli Enti pubblici come sostenitori di un cinema di qualità, che difficilmente trova spazio nella ordinaria programmazione, è forte e ci permetterà di guardare in futuro ad altre forme di progettualità larghe».

«Questa edizione è per noi una sorta di numero uno – prosegue Franco Oss Noser, Presidente Unione Interregionale Triveneta AGIS – perché per la prima volta abbraccia tutto il Triveneto e Alto Adige da Bolzano a Trieste, ed è per noi dell’Agis fonte di grandissima soddisfazione. Iniziative come queste, che hanno visto l’Agis e la Fice delle Tre Venezie in prima linea nell’attivare e costruire nuove sinergie e relazioni. Un lavoro che ha portato da un lato a costituire la Conferenza Permanente degli Assessori alla Cultura del Triveneto e Alto Adige, e dall’altro ad ottenere il Patrocinio del MiBACT. Queste iniziative nascono dal nuovo ruolo assunto dall’Agis Nazionale e poi locale, ossia quello di lavorare ventre a terra per la conquista di nuovi pubblici usando tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione e costruendone di nuovi, perché questa è la nuova frontiera».

Nel 2016, quindi, la rassegna “Le Giornate della Mostra del Cinema di Venezia. I Film della Settimana della Critica” è arrivata ad un “giro di boa” e sono molte le novità che caratterizzano il programma.

«Come sempre i grandi protagonisti sono i film – sottolinea Filippo Nalon, Presidente Fice Tre Venezie «opere prime di qualità che sono state selezionate al fianco di critici che intendono proporre al pubblico prodotti realizzati da registi esordienti che faticano ad entrare nel tradizionale circuito di programmazione, dunque, una riscoperta di vere “gemme” di cinema, rare e uniche».

Questo perché, chiosa Giona A. Nazzaro Delegato Generale SIC: «Il cinema, quello per cui vale la pena scendere in campo, si continua a fare e la SIC è da sempre interlocutrice privilegiata di questo rinnovamento. La 31. SIC non è una proposta chiusa ma un invito al viaggio. Si pongono oggi le premesse per immaginare il cinema che è ancora tutto da inventare».

L’elenco completo delle proiezioni è disponibile al link
legiornatedellamostra.agistriveneto.it

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Porsche "impazzita" abbatte un semaforo: tragedia sfiorata in viale Miramare

  • Svizzera-Trieste: autista abbandona pullman con 55 bambini all'autogrill per andare a Jesolo

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Cade sulla Napoleonica: ferita dopo un volo di 20 metri

  • Auto contro linea 11 in via Foscolo: sei feriti nell'autobus (FOTO)

  • Incidente a san Giacomo: ferita donna in gravidanza, coinvolte 3 auto

Torna su
TriestePrima è in caricamento