Cappella Underground: all'Ariston la rassegna di classici dedicata ai film di Gene Tierney

Gene Tierney

Prosegue ogni lunedì nel corso del mese di giugno al cinema Ariston la rassegna di classici in edizione digitale restaurata “La diva fragile. Gene Tierney nei capolavori di quattro grandi registi”, organizzata da La Cappella Underground in collaborazione con Lab80 film, dedicata ai film che hanno reso celebre negli anni Quaranta e Cinquanta l’attrice americana Gene Tierney, diva di rara intensità e di innegabile fascino.

Gene Tierney Inizia la sua carriera di attrice giovanissima, alla fine degli anni ’30, scoperta dal regista George Abbott, dopo aver lavorato come fotomodella ed attrice di teatro. Distintasi come la sciatta ma aggressiva contadina di Caldwell ne La via del tabacco di John Ford (1941), interpretò film di Sternberg (I misteri di Shanghai , 1941), Ernst Lubitsch (Il cielo può attendere , 1943), John M. Stahl (Femmina folle, 1945) e di Otto Preminger, regista che la guidò nel suo personaggio forse più incisivo, quello di Laura in Vertigine (1944), grazie al quale conquistò un Oscar.
Tra gli altri film interpretati vanno ricordati Il fantasma e la signora Muir di Joseph L. Mankiewicz (1947) e La mano sinistra di Dio di Edward Dmytryk (1955). La sua carriera comincia a declinare negli anni Cinquanta, dopo il fallito matrimonio con Oleg Cassini e la nascita di una figlia con gravi disabilità: si ammala di depressione e viene ricoverata in una clinica. Torna al cinema nel 1962 con Tempesta su Washington di Otto Preminger.
Nel 1979 pubblica la sua autobiografia, Self portrait (inedita in Italia), in cui racconta anche il periodo buio della malattia. Viene ricordata per la sua bellezza esotica e per il suo talento, per gli occhi magnetici dal taglio orientale, per l’aura di sensualità e mistero che l’hanno sempre contraddistinta. A seguire i prossimi appuntamenti:

lunedì 19 giugno ore 17.00 e 21.00 "Femmina folle" Leave Her to Heaven, USA, 1945, 110’, versione originale s/t italiano di John M. Stahl con Gene Tierney, Vincent Price, Cornel Wilde, Jeanne Crain
Elena e Harlan, un amore a prima vista e rapide nozze. Ma, poi, la mente di lei è sconvolta da una gelosia devastante che la porta a sopprimere tutti coloro che patologicamente individua come “rivali” nel rapporto con il marito. Strepitoso melodramma a forti tinte, che il tempo non ha appannato né indebolito. Perverso, affascinante, eccessivo in tutto, persino nelle scenografie. Una Gene Tierney bella da mozzare il fiato e una splendida fotografia di Leon Shamroy, premiata con l’Oscar.

lunedì 26 giugno ore 17.00 e 21.00 "Il fantasma e la signora Muir" The Ghost and Mrs. Muir , USA, 1947, 104’, versione originale s/t italiano di Joseph L. Mankiewicz con Gene Tierney, Rex Harrison, George Sanders, Edna Best, Vanessa Brown.
Lucy Muir, una giovane vedova, si trasferisce in una casa in riva al mare abitata dal fantasma di un capitano di marina. La donna viene presa dallo sgomento e pensa di fuggire, ma lo spettro è un gentiluomo e i due diventano in breve ottimi amici. Senza il capitano, Lucy ora non sa più fare nulla e lui la guida amorevolmente nelle sue scelte più difficili. Grandissimo, struggente melodramma dai toni surreali e con tocchi di commedia tipicamente anglosassoni. Il copione è inoltre egregiamente servito sia dalla regia che dagli interpreti, tutti di alta classe.

 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • International Tattoo Expo di Trieste: tre giorni di tatuaggi con 200 professionisti

    • fino a domani
    • dal 15 al 17 novembre 2019
    • Salone degli Incanti
  • Muja Buskers Festival: gli artisti di strada nel segno di Leonardo (VIDEO)

    • dal 23 agosto 2019 al 25 agosto 2020
  • “Abbi cura di me Tour”, Cristicchi torna sul palco del Rossetti

    • dal 16 novembre al 18 dicembre 2019
    • Politeama Rossetti
  • Al Tommaseo la prima cena con delitto in dialetto

    • solo oggi
    • 16 novembre 2019
    • Caffè Tommaseo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TriestePrima è in caricamento